Alli resta al Tottenham. Mourinho forse…

Dietro la scelta di non cedere l’inglese, c’è anche la prospettiva di un addio dello Special One.

di Redazione Il Posticipo

Dele Alli resta al Tottenham. Una scelta di mercato che, secondo quanto riportato da Football London, affonda le radici in una prospettiva che a giugno potrebbe cambiare radicalmente. L’inglese, infatti, è certo di restare nel North London. Il futuro di Mourinho, invece, è in evidente discussione complici gli ultimi risultati e la gestione delle risorse umane del club.

CALO – I numeri non aiutano il tecnico. E molto, se non tutto, dipenderà dai risultati di fine stagione. La gestione dello Special One e il suo stile border line al limite della provocazione nella gestione dei rapporti con i media e l’ambiente, rischia di sbattere contro i risultati. La lista dei “musi lunghi”, del resto, è abbastanza lunga. Danny Rose è stato escluso quasi subito dal progetto tecnico. Seguito da Alderweireld che dopo aver rinnovato ha giocato meno della metà delle partite. Anche Winks si è ritrovato fuori dai giochi per lunghi periodi durante questa stagione. Ai rapporti complessi, si aggiunge anche un calo abbastanza evidente.  Il Tottenham ha perso quattro delle ultime otto partite di campionato. Mourinho ha ribaltato la prospettiva da par suo: cinque sconfitte nelle ultime trenta partite. Questione di prospettiva. Al netto dei punti di vista, il calendario però si inasprisce. E non aiuta.  Chelsea, Everton, Manchester City, West Ham, ed Europa League. Ergo, Mourinho ha bisogno di ritrovare il passo di fine 2020 e magati anche recuperare chi è stato messo in disparte.

COMPROMESSO – In questo contesto si inserisce la questione legata a Delle Alli. La situazione, dunque, va evolvendosi verso una sopportazione a denti stretti in attesa dell’epilogo della stagione. Nell’attesa che arrivi giugno, quando si tireranno le conclusioni in base ai risultati ottenuti dallo Special One, Dele Alli e il tecnico portoghese convivranno. Ed è meglio per entrambi che cerchino di andare d’accordo perché appare evidente che  Del resto il Tottenham ha bisogno di un calciatore del valore dell’inglese. E lo stesso Alli non può passare troppo tempo in naftalina. Rischia di deprezzarsi. E perdere anche l’Europeo. E a quel punto poi potrebbe essere lui a chiedere di andarsene, danneggiando le casse del club.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy