Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Allarme dall’Inghilterra: se non si concludono i campionati, è a rischio l’ammissione alle coppe europee

L'indicazione arrivata dalla UEFA, che ha posticipato Euro 2020 al prossimo anno anche per lasciare spazio al recupero dei campionati, è quella di mettere negli annali la stagione 2019/20 con verdetti incontrovertibili, altrimenti possono esserci...

Redazione Il Posticipo

Finire i campionati, costi quel che costi. Nel vero senso della parola, visto che la crisi che sta accompagnando la pandemia di Covid-19 sta colpendo il calcio anche da un punto di vista economico. L'obiettivo primario di tutte le federazioni, al momento attuale, è quello di terminare i tornei nazionali. L'indicazione arrivata dalla UEFA, che ha posticipato Euro 2020 al prossimo anno anche per lasciare spazio al recupero dei campionati, è quella di mettere negli annali la stagione 2019/20 con verdetti incontrovertibili. Niente tornei lasciati a metà, altrimenti possono esserci problemi. E, spiegano dall'Inghilterra, non solo per quello che riguarda le casse societarie.

CANCELLAZIONE - A lanciare l'allarme è ChrisWilliams, penna calcistica di Forbes, che spiega in un tweet qual è il rischio di non completare la stagione: dire addio alle coppe europee. "Fonti UEFA: i campionati che dovessero essere dichiarati cancellati potrebbero avere difficoltà ad assegnare i posti per la Champions League e l'Europa League, specialmente se altri campionati dovessero riuscire a terminare le loro giornate. Non completare il torneo potrebbe portare a una mancata ammissione alle coppe, con squadre non qualificate in caso di cancellazione. E ci sarebbero anche problemi per i coefficienti". Non proprio una situazione auspicabile, ma un qualcosa che, se l'epidemia non dovesse essere contenuta, potrebbe anche verificarsi.

QUESTIONE INGLESE - Anche perchè, spiega il Sun, c'è un numero sempre crescente di squadre di Premier League che vorrebbe cancellare del tutto la stagione. Una decisione che quindi troverebbe sia l'opposizione della UEFA, che spinge per terminare i tornei, che ovviamente quella del Liverpool e delle squadre che sono quasi certe della promozione in campionati superiori, come il Leeds. Il precedente appena stabilito che riguarda le serie minori, però, può cambiare le carte in tavola. Tutti i tornei al di sotto della National League sono stati dichiarati conclusi e cancellati, senza retrocessioni nè promozioni. Una eventualità che quindi non si può escludere anche per la Premier. Ma i grandi club vorranno rischiare di rimanere fuori dall'Europa?