Ali Daei all’Everton… ma Ancelotti, per ora, non trema

L’iraniano, ormai prossimo al “sorpasso” di Cr7 potrebbe consolarsi con un nuovo lavoro

di Redazione Il Posticipo

Ali Daei è ormai rassegnato al proprio destino. L’ex attaccante del Bayern Monaco sarà superato da Cristiano Ronaldo, ormai prossimo ai 109 gol con la nazionale portoghese. Gliene mancano sette e considerando i sorteggi per le qualificazioni al prossimo mondiale, tutto lascia credere che il fuoriclasse portoghese possa completare il suo inseguimento sin dai prossimi mesi. Nell’attesa che si compia il sorpasso, l’ex giocatore del Bayern Monaco, 51enne, si guarda intorno per tornare in sella nel mondo del calcio.  E, come riportato dal Sun, potrebbe tornare ad avere un ruolo importante in Premier, con l’Everton.

RITORNO – L’ex calciatore, che ha vinto il titolo di Bundesliga con il Bayern nel 1999 ha un discreto passato da allenatore. Daei ha allenato la nazionale iraniana e sei club locali. Insomma una carriera tutto sommato non disprezzabile. E dalla Germania, secondo quanto riportava dal tabloid inglese, sembra che i toffees siano pronti a offrire un lavoro. A favorire il ritorno di Ali Daei al calcio che conta, la presenza di Farhad Moshiri. L’uomo di affari proprietario dell’Everton ha origini iraniane e si è trasferito nel paese britannico all’inizio degli anni settanta. E potrebbe essere proprio lui il “ponte” che condurrebbe Ali Daei sulle rive del Merseyside.

ANCELOTTI – Resta da capire, a questo punto, quale sia il futuro di Carlo Ancelotti. Il tecnico italiano, dopo un ottimo avvio di campionato che ha portato l’Everton addirittura in testa alla classifica della Premier, ha inanellato una serie di sconfitte consecutive che hanno fatto scivolare la squadra al nono posto in classifica. Non abbastanza per mettere in discussione la figura di Carlo Ancelotti, chiamato proprio per un percorso a lunga gittata, ma non esclude la presenza di una nuova figura. Non a caso si parla di “ruolo di primo piano”. Potrebbe essere quello di dirigente.

(Photo by Nathan Stirk/Getty Images)

ABBIGLIAMENTO  – L’ultima apparizione di Ali Daei è in quel di Teheran, alla guida del Saipa. Chiusa l’esperienza, il giocatore si è dedicato alle sue attività personali. Gestisce un’azienda legata all’abbigliamento. Un ramo che potrebbe lasciare in gestione per tornare ad indossare giacca e cravatta al servizio del suo connazionale. O magari la tuta, se malauguratamente Ancelotti dovesse continuare a inanellare sconfitte senza soluzione di continuità.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy