Albania, che sgarbo ai francesi: fischiata la Marsigliese

Dopo le polemiche della sfida d’andata, la sfida fra Francia e Albania concede un non desiderato bis. Fischiata la marsigliese al momento degli inni nazionali.

di Redazione Il Posticipo

Nulla da fare. Albania – Francia non riesce a essere una partita normale. Il nuovo stadio dell’Albania appena inaugurato con una coinvolgente cerimonia, si raccoglie in occasione degli inni nazionali. E n fischia, in modo sonoro e poco garbato, la Marsigliese. Un gesto che non è passato inosservato.

UNISONO – Stupisce, però, la reazione degli spettatori presenti. Di solito, quando una porzione di stadio fischia, chi si rende protagonista del gesto viene “isolato” dal resto dello stadio che applaude oppure fischia i fischiatori. In questo caso, però, accade esattamente l’opposto. Lo stadio, all’unisono, mostra di non gradire l’inno francese. E non nasconde il proprio dissenso. Marsigliese fischiata ininterrottamente dalla prima all’ultima nota senza che nessuno zittisca  il pubblico.

PRECEDENTE – Il video lascia poco spazio alle interpretazioni. Molti internauti hanno condannato il gesto. Del resto è molto sgradevole fischiare l’inno. Alcuni si sono anche chiesti il motivo di tale astio. Secondo l’autore del tweet, giornalista della testata “Le Figaro” tutto affonda nella sfida d’andata giocata in Francia quando c’è stato un clamoroso errore al momento dell’esecuzione degli inni nazionali è stato suonato l’inno di Andorra. I giocatori si guardano stupiti fra di loro. E dall’altoparlante arrivano le scuse, che sono anche peggio: infatti, per farsi perdonare la gaffe, ci si rivolge ai tifosi albanesi spiegando che sarebbe stato suonato presto l’inno di… Andorra. Quanto basta per far irritare i calciatori che non si sono schierati in campo sino a che non è stato suonato l’inno giusto. E dopo l’esecuzione si sono calmati gli animi. Al termine del primo tempo sono arrivate altre scuse, ma evidentemente non è bastato.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy