calcio

Alaba: “Real, la mia prima scelta: come il Bayern, tra le migliori al mondo”

(Photo by Matt Childs/Pool via Getty Images)

Alaba è pronto all’Europeo ma non vede l’ora di aggregarsi al Real Madrid, la sua prima scelta.

Redazione Il Posticipo

Ci si avvicina rapidamente al fischio d’inizio di questo particolare Euro 2020. Particolare per diversi motivi: innanzitutto, perché si gioca nel 2021 ma soprattutto per i molti giocatori di livello pronti a cambiare squadra dopo la fine della competizione. Uno di questi è David Alaba che dopo 13 anni al Bayern Monaco firmerà per il Real Madrid.

13 ANNI - Il difensore austriaco andrà a rinforzare il reparto arretrato della casa blanca che ha ancora come... inquilini Sergio Ramos e Varane, ma è altrettanto vero che il muro potrebbe sgretolarsi durante la sessione di mercato. El Capitan è in scadenza. Il centrale francese invece potrebbe cambiare aria. E sembra non vedere l’ora. Alaba in ogni caso puà ricoprire più ruoli. Ed anche lui conta i giorni che lo separano dal Real come spiega un’intervista alla Bild. “Ho passato 13 anni al Bayern con innumerevoli titoli e grandi momenti, non li dimenticherò mai. Tuttavia,affrontare questa nuova sfida al Real dopo l'Europeo è una emozione enorme. Non ho preso in considerazione molti club, il Real Madrid era il primo della lista. Come il Bayern Monaco, il club è uno dei più grandi al mondo. La sua storia e tradizione sono qualcosa di speciale. Qui si pensa a vincere ogni partita, vincere tutti i titoli possibili ogni anno. Al Bayern ho interiorizzato quella mentalità e la fame di vincere titoli. Questo è anche necessario al Real Madrid e voglio contribuire che, oltre a me stesso. esperienza e le mie qualità sul campo”.

 (Photo by Gonzalo Arroyo Moreno/Getty Images)

IL FUTURO - Alaba è affascinato dall'idea di poter inseguire nuovi... triplete. "Ci sono stati tanti grandi giocatori e tanti grandi titoli nella storia del Real. Voglio unirmi a loro e continuare a scrivere successi nella storia del club con i tifosi". Il suo arrivo coincide con l'addio di Zidane e un percorso di restaurazione del club. "La situazione non è facile da analizzare. Ma sono sicuro che la gestiranno bene". Ora, però, tra David Alaba e la sua presentazione al Santiago Bernabeu c’è tutta un’estate, un europeo con le partite contro Olanda, Ucraina e Macedonia del Nord.