Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Al Real c’è una…dinastia: primo contratto per il figlio di Marcelo, che fa l’attaccante e segna a grappoli!

Al Real c’è una…dinastia: primo contratto per il figlio di Marcelo, che fa l’attaccante e segna a grappoli! - immagine 1
L'addio di Marcelo al Real Madrid alla fine della scorsa stagione ha segnato la fine di un'epoca. E il club, come sta senza Marcelo? Forse al Bernabeu soffrono di nostalgia, visto che hanno messo sotto contratto...suo figlio!

Redazione Il Posticipo

L'addio di Marcelo al Real Madrid alla fine della scorsa stagione ha segnato la fine di un'epoca. Il terzino brasiliano ha lasciato la Casa Blanca dopo quindici anni, in cui ha vinto 25 trofei, diventando il giocatore delle Merengues più titolato di sempre. Il brasiliano non è tornato in patria, ma ha deciso di rimanere in Europa, trasferendosi all'Olympiacos. Non è che in Grecia le cose stiano andando benissimo, visto che la forma fisica del verdeoro è quello che è e che non è riuscito a giocare quasi mai con la maglia della squadra del Pireo. E il Real, come sta senza Marcelo? Forse al Bernabeu soffrono di nostalgia, visto che hanno messo sotto contratto...suo figlio!

Primo contratto con il Real

—  

Enzo Alves è l'erede del terzino brasiliano, anche se ha deciso di non seguire in tutto le orme del padre. Gioca infatti in attacco, come centravanti, e ha appena firmato il suo primo contratto con la Casa Blanca. Al momento il giovanissimo (ha 13 anni) gioca con la maglia dell'Infantil A e, come ha spiegato sul suo profilo Instagram, ha finalmente messo nero su bianco il rapporto con le Merengues. "Il mio primo contratto con il miglior club del mondo. Molto felice. Orgoglio". Ad accompagnare Enzo alla firma, neanche a dirlo, c'era papà Marcelo, assieme a mamma Clarice, due che la società madrilena la conoscono decisamente bene, vista la lunghissima permanenza del terzino da quelle parti.

Un attaccante molto prolifico

—  

E la scelta del figlio di Marcelo di cambiare ruolo è forse...anche comprensibile. Difficile infatti competere con un genitore che per alcuni è stato il miglior terzino sinistro di sempre. Molto meglio giocare in un'altra zona di campo, anche perchè i risultati sono molto positivi. Per lui gol a grappoli, come racconta AS, al punto che non solo è il miglior marcatore della sua squadra, ma anche di tutta la categoria, con sette gol di vantaggio rispetto al secondo in graduatoria. A dare una mano c'è anche la struttura fisica: a 13 anni, Enzo Alves è alto un metro e settantacinque, ovvero esattamente quanto suo padre. Con la altissima possibilità di aumentare, visto che è ancora in età di sviluppo. Nel frattempo, il Real Madrid si gode il suo giovane talento. E l'idea di dare il via a una dinastia...vincente stuzzica non poco la Casa Blanca!