Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Al-Mubarak: “A Madrid, Perez all’82’ mi aveva fatto i complimenti. Haaland ci ha scelto per migliorarsi”

Al-Mubarak: “A Madrid, Perez all’82’ mi aveva fatto i complimenti. Haaland ci ha scelto per migliorarsi” - immagine 1

Arrivato il quarto titolo in cinque anni, ma la Champions è rimasta irraggiungibile. Eppure sino a 10' dal termine il City era praticamente in finale. Una ferita ancora aperta.

Redazione Il Posticipo

Al-Mubarak, presidente del Manchester City, ha concesso in un'intervista ai media ufficiali del club sulla notizia dei "cittadini" in cui ripercorre la stagione e l'attuale situazione dei citizens.

CHAMPIONS - Arrivato il quarto titolo in cinque anni, ma la Champions è rimasta irraggiungibile. Eppure sino a 10' dal termine il City era praticamente in finale. Una ferita ancora aperta. "Non è stato facile digerire una sconfitta del genere. Ricordo perfettamente che Florentino Perez, all'82' si è congratulato con me. Ce l'avevamo praticamente fatta ma il calcio a volte è crudele". Il City però è pronto a rilanciare. "Arriveranno altri giocatori. Stiamo cercando di rafforzare la squadra nelle posizioni necessarie. Come sapete, al termine di ogni stagione alcuni giocatori ci lasceranno. E anche in questo caso, cercheremo sempre di migliorare e rafforzarci. La squadra ha già concluso due acquisti molto importanti, ma prevedo che ne faremo almeno un altro paio. Cercheremo di essere il più rapidi possibile, ma non è semplice portare a termine tutte le trattative, il mercato è fluido, non è completamente sotto il nostro controllo".

HAALAND - Il primo grande rinforzo è Haaland, di quelli che spostato gli equilibri. "Sono assolutamente felice che Haaland abbia scelto di unirsi al Manchester City. Credo che ogni grande squadra del mondo volesse ingaggiarlo. Il suo arrivo definisce tutto il grande lavoro svolto da questo club. Ha un potenziale enorme. In questo momento ritengo che sia uno degli attaccanti più forti al mondo. Ha un talento incredibile e ci ha scelto anche perché sa benissimo quanto ancora possa migliorare in una squadra guidata da Pep Guardiola e con le infrastrutture di cui disponiamo. Con la firma di Haaland abbiamo forse il miglior numero nove al mondo con molti anni davanti a lui".

ALVAREZ - Non solo top player. Il City ha scommesso anche su Alvarez, che ha sottoscritto un contratto della durata di cinque anni e mezzo: "Con Haaland abbiamo investito su un'attaccante già pronto, ma ci stiamo preparando anche per il futuro e in Alvarez abbiamo trovato uno dei giovani attaccanti più talentuosi del Sud America. Sostituire Sergio Aguero è stato un compito enorme. Sono assolutamente felice di aver messo sotto contratto due attaccanti così giovani".