Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Al Liverpool accade l’impensabile: Karius torna e i tifosi…lo riaccolgono a braccia aperte

 (Photo by Laurence Griffiths/Getty Images)

A Liverpool il nome di Loris Karius è stato usato come unità di misura delle papere. Ma ora che è in Austria con i Reds, i tifosi lo riaccolgono a braccia aperte

Redazione Il Posticipo

Nella vita può accadere di tutto. Le sorprese, in effetti, non mancano mai. Certo, nessuno si aspetta di vedere un rinoceronte selvatico in Islanda o un orso polare in Algeria, ma ci sono delle piccole ‘stranezze’ che il mondo ogni tanto ci regala per ricordarci che tutto cambia. Nel mondo del calcio, ad esempio, nessuno si aspetta che un giocatore il cui nome è stato utilizzato per definire l’entità di un errore in una squadra, possa tornarci. E figurarsi quanto possa essere credibile che quel giocatore venga anche accolto a braccia aperte. Ma quando si parla di Loris Karius, meglio aspettarsi di tutto...

TORNATO - Karius è tornato. Il portiere tedesco ha giocato due stagioni al Besiktas e una a Berlino dopo quella fatidica partita in cui due suoi errori hanno praticamente regalato al Real Madrid la Champions League. Il rilancio sui piedi dell'attaccante avversario e l’effetto saponetta del pallone tra i guanti su un tiro quasi innocuo sono ormai da anni una sorta di marchio registrato a nome del tedesco da parte degli appassionati di Premier League. Eppure, il portiere torna alla base dopo i prestiti e va in ritiro con la squadra in Austria. La parte sorprendente, però, è un’altra e basta fare un giro sui social del portiere per rendersene conto. I tifosi del Liverpool lo hanno accolto a braccia aperte.

 (Photo by Maja Hitij/Getty Images)

CHISSÀ - Secondo Goal, l’ex prodigio del Mainz non è tornato per restare ma solo perché ha un contratto da onorare con il club in attesa che, di nuovo, la dirigenza gli trovi una sistemazione per giocare altrove. Ma basta scorrere i commenti in qualsiasi post social del portiere per leggere decine e decine di tifosi che gli dedicano il loro "You'll never walk alone". I supporter gli chiedono di restare per fare il vice Alisson, visto che sembrano più scontenti di Adrian di quanto lo fossero di Karius. Il portiere non gioca una partita col Liverpool dall’amichevole contro il Torino del 2018, poco dopo la fatidica finale. Chissà che alla fine non resti davvero e che, glielo si augura, torni ai suoi antichi fasti e si tolga dalla mente quel brutto trauma.