Al-Khelaïfi non testimonia nel processo tra Neymar e Barça: in ballo 75 milioni e… il futuro del giocatore

Al-Khelaïfi non testimonia nel processo tra Neymar e Barça: in ballo 75 milioni e… il futuro del giocatore

L’acquisto che ha causato la rivoluzione dei valori di mercato dei calciatori continua a far parlare di sé: Al-Khelaïfi non testimonia nel processo nel quale Neymar e il Barcellona si contendono parecchi milioni di euro. Il motivo? Tenersi buono O’Ney…

di Redazione Il Posticipo

Sul trasferimento di Neymar Jr dal Barcellona al PSG ne sono state dette di tutti i colori. Tutt’oggi è in corso un processo in Catalogna per stabilire quale delle due parti debba versare una ‘quota integrativa’ all’altra e la situazione non è molto semplice. Da una parte c’è una firma su un rinnovo contrattuale, dall’altra una clausola rescissoria pagata. Da una parte la pretesa del bonus per il rinnovo; dall’altra un rifiuto, in quanto il contratto non è stato rispettato. Al-Khelaïfi che fa? Le studia tutte per non perdere il giocatore.

CALCOLI – L’estate del 2017 è quella che ha segnato il punto di non ritorno del rigonfiamento dei valori di mercato dei calciatori. Neymar aveva appena rinnovato il contratto con i blaugrana nel quale si stabiliva che qualsiasi squadra avesse avanzato pretese nei suoi confronti sarebbe stata costretta a versare nelle casse del club catalano i fatidici 222 milioni di euro. Come riporta Mundo Deportivo, era previsto un premio per il rinnovo. Ora il brasiliano lo pretende, ma anche il club ha una sua richiesta: un risarcimento di 75 milioni, visto che nonostante la firma, il contratto non è stato onorato. Tanti soldi in ballo. Non che il denaro sia un problema per il club parigino-qatariota, ma Al-Khelaïfi studia le mosse per non dare ragione a nessun altro se non a… se stesso.

RAGIONAMENTI – La testimonianza del massimo mandatario del club francese, richiesta dal tribunale, potrebbe costare 75 milioni a Neymar perchè rischia di conferma come il PSG abbia avuto un ruolo fondamentale nella rottura del contratto con il Barça. E così Nasser Al Khelaïfi, come riporta il la testata ABC, avrebbe ‘deciso’ di allungare i tempi della sua convocazione in tribunale, non potendo così testimoniare. Questa, secondo Mundo Deportivo, è una strategia che il numero uno del PSG starebbe adottando per non perdere il calciatore pagato a peso d’oro. “Non ti faccio pagare la penale contrattuale, ma tu resti qui a Parigi”, questo potrebbe sembrare il ragionamento del PSG. In effetti, le voci di un suo possibile addio al campionato francese si fanno sempre più insistenti e riguardano addirittura la prossima sessione di mercato. Chissà di quali cifre si parlerà stavolta.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy