Ajax, una nuova stella: Brobbey colpisce ancora. E a giugno il “nuovo Lukaku” è libero…

I lancieri mettono in mostra l’ennesimo gioiello. Gol decisivo a Lille e copertina della serata di Europa League.

di Redazione Il Posticipo

La serata di Europa League lascia in eredità l’ennesimo tulipano sbocciato nel ricchissimo vivaio dei lancieri. Il “nuovo Lukaku” colpisce ancora. A pochissimi minuti dal termine della sfida di Lille, Brian Brobbey, 18 anni, segna la rete che permette all’Ajax di sbancare il campo dei francesi e mettere un piede e tre dita agli ottavi di finale. Gol di potenza e astuzia, da consumato centravanti d’area di rigore a dispetto di una giovanissima età. Una rete che non sarà passata inosservata agli operatori di mercato che lo seguono da tempo. Fra l’altro, il ragazzo non ha rinnovato il contratto e a giugno 2021 sarà libero di accasarsi con chi vuole. E i pretendenti non mancano.

DIAMANTE – Brobbey ha le stimmate del predestinato. Esordio e gol in Eredivise nello scorso novembre nella sfida contro il Fortuna Sittard dopo appena otto minuti di gioco. Il paragone con Lukaku non è azzardato. Nella sfida con il Lille ha messo in mostra tutte le sue qualità. Fisicamente potente, molto strutturato, agile e veloce. La grande fisicità non gli impedisce di essere agile e veloce negli ultimi sedici metri. Al netto della rete realizzata a pochi secondo dal termine, la sua prestazione conferma la bontà dei numeri che lo precedono:  15 presenze 9 reti e tre assist in questa stagione con l’Ajax B, 2 reti e un assist in 84′ spalmati in cinque presenze in Eredivise senza essere mai partito da titolare.

FUTURO – Il ragazzo ha le idee chiare. Ha rifiutato tutte le proposte di rinnovo perché, nonostante la giovanissima età, ritiene di avere un futuro immediato ad alti livelli lontano dall’Olanda. Una “palestra” formativa, l’Eredivise, ma che sembra già stretta al giovanissimo attaccante nato nel 2002, della scuderia di Mino Raiola. Una garanzia, per una collocazione importante. Resta da capire dove: non è un mistero che il Milan lo segua da tempo, ma la sensazione è che abbia mollato la presa perché Brobbey sembra aver ceduto alle avances del Lipsia. L’idea del “piccolo Lukaku” è di ricalcare le orme di Haaland, utilizzando la Red Bull come trampolino di lancio per le ambizioni future. Il talento per provarci, del resto, non gli manca.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy