Ajax, paura per Blind: il difensore operato per una miocardite, per lui un defibrillatore sottocutaneo

Ajax, paura per Blind: il difensore operato per una miocardite, per lui un defibrillatore sottocutaneo

Per l’Ajax è davvero un periodo complicato. In Eredivisie la squadra di Ten Hag è prima, ma a pari punti con il sorprendente Az Alkmaar. E in Champions c’è stata una delusione complicata da cancellare. Ora si ferma Blind, ma non per un infortunio di gioco: gli è stata diagnosticata una miocardite.

di Redazione Il Posticipo

Per l’Ajax è davvero un periodo complicato. In Eredivisie la squadra di Ten Hag è prima, ma a pari punti con il sorprendente Az Alkmaar. E in Champions c’è stata una delusione complicata da cancellare, un’eliminazione, pochi mesi dopo aver sfiorato la finalissima di Madrid, che certamente ha lasciato scorie nei Lancieri. E come se non bastasse, ci si mette di mezzo anche la sfortuna. Si ferma il difensore Daley Blind, figlio della leggenda Danny. Ma non per un infortunio di gioco, bensì per qualcosa che va monitorato con molta più attenzione. All’ex Manchester United è stata diagnosticata una miocardite.

OPERAZIONE – Piccoli problemi di cuore, nulla di insormontabile ma neanche qualcosa che possa essere presa sottogamba. E quindi il comunicato dei Lancieri annuncia che a causa di una infiammazione del miocardi il difensore è già finito sotto i ferri e che gli è stato installato un defibrillatore sottocutaneo. Tutto nasce dalla partita di Champions contro il Valencia, che ha convinto il giocatore e il club a indagare più a fondo sui fastidi che lo hanno colpito. “Il difensore centrale si è sottoposto a un’approfondita visita medica negli ultimi giorni, a seguito delle vertigini che lo hanno infastidito brevemente durante la partita Ajax-Valencia”.

SALUTI – Dunque, operazione già effettuata e saluti social per Blind, che ha subito voluto rassicurare i suoi tifosi che tutto è andato per il verso giusto. “Prima di tutto volevo ringraziarvi per i messaggi che mi avete mandato. Mi hanno fatto piacere e aiutato molto. In secondo luogo, ho appena postato un aggiornamento sulle mie condizioni. La cosa più importante è che mi sento bene e cercherò di tornare il più presto possibile”, spiega l’olandese. E all’Ajax, in questo momento complicato, certamente c’è bisogno di un calciatore come lui. Di classe e di esperienza e che, volendo sdrammatizzare, quando gioca con i Lancieri…ci mette il cuore.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy