Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Aguero: “Ritiro? Non so cosa sia successo, forse il Covid ha riattivato qualcosa”

SHEFFIELD, ENGLAND - JANUARY 21: Sergio Aguero of Manchester City during the Premier League match between Sheffield United and Manchester City at Bramall Lane on January 21, 2020 in Sheffield, United Kingdom. (Photo by Catherine Ivill/Getty Images)

L'argentino è stato molto sincero nelle sue risposte e alcune sono state molto interessanti.

Redazione Il Posticipo

El Kun Agüero senza censure. L'ex calciatore argentino, come riportato da MARCA,  ha deciso di rispondere a molte delle domande sulla sua carriera e vita personale che i suoi follower gli hanno posto attraverso il suo profilo twitter.

RITIRO - L'argentino è stato molto sincero nelle sue risposte e alcune sono state molto interessanti. Specialmente quella riguardante il ritiro. E ha risposto anche a un follower particolarmente aggressivo nei suoi confronti.

"Oh, come sei aggressivo. Non so cosa mi abbia causato. Ancora nessuno sapeva cosa fosse successo. Potrebbe essere stato il covid o la dose. La realtà è che non lo so. A me è successo e ora devo prendermi cura di me stesso. Ma avevo già qualcosa prima e forse si è attivato, non so..."

SLIDING DOORS - Spazio anche per altri aneddoti. Come le Sliding Doors di mercato. Quelle del Bayern Monaco gli si sono chiuse in faccia. "Mi hanno raccontato quella storia e la posso riportare esattamente per come è andata. Quelli del Bayern sono andati a vedermi una partita contro l'Estudiantes de la Plata, io ho giocato una partita talmente brutta da convincerli a desistere. E al mio posto hanno comprato Josè Sosa e hanno comprato lui. Non ho mai realmente pensato, comunque, a cosa sarebbe successo se non fossi diventato un calciatore. A volte me lo chiedo ma non ho mai saputo trovare una risposta". Si è comunque trovato il modo di giocare in Europa. E ricorda trattamenti non esattamente di favore. "Terry, Van Dijk, Sergio Ramos, Puyol e Ferdinand erano davvero difficili da superare".

RAPPORTI - El Kun infine ha soddisfatto alcune curiosità: "Dopo una partita non mi sono parlato per un paio di giorni con Leo Messi ma eravamo entrambi arrabbiati perché avevamo perso una partita. Per il resto ci siamo divertiti tanto insieme in nazionale.  Se potessi scambiare la maglietta con un solo calciatore al mondo, lo farei con lui. La vittoria in Copa America è quella che ricordo con maggior piacere. Il gol più bello invece è quello che ho segnato con il Real Madrid, lo custodisco nei miei ricordi anche perché è l'ultimo anche se... non sapevo lo fosse.