Agitazione intorno a Bruno Fernandes: all’allenamento, la guardia militare…

Agitazione intorno a Bruno Fernandes: all’allenamento, la guardia militare…

Il centrocampista dello Sporting Lisbona potrebbe cambiare squadra e la piazza portoghese è in agitazione per la possibile partenza di uno dei suoi beniamini. Il club ha adottato drastiche misura di sicurezza per evitare il peggio…

di Redazione Il Posticipo

Il futuro di Bruno Fernandes è sempre più incerto: lo Sporting Lisbona lo sa bene e prova a correre ai ripari. Alla finestra ci sono i top club della Premier League, ma anche il Real Madrid di Florentino Perez ha messo gli occhi sul calciatore negli scorsi giorni.  Intanto il suo allenamento allo Sporting Lisbona è stato decisamente movimentato.

GUARDIA MILITARE – Secondo quanto riportato dal Mirror, nell’ultima sessione di allenamento dello Sporting hanno assistito anche i soldati portoghesi: il club biancoverde ha convocato la guarda militare per garantire tutte le misure di sicurezza ed evitare il peggio. I tifosi sono già insoddisfatti dopo il 5-0 incassato contro il Benfica nella Supercoppa portoghese e lo Sporting teme che la piazza possa diventare rovente dopo l’eventuale cessione del giocatore. Già lo scorso anno alcuni giocatori del club sono stati attaccati sul campo di allenamento e proprio  Fernandes insieme ad altri sei compagni di squadra ha provato a risolvere il suo contratto. La situazione è stata risolta e il giocatore è rimasto, ma il club teme che  l’episodio possa ripetersi.

FUTURO PREMIER – Stando a quanto riportato dalla stampa inglese, Fernandes avrebbe già trovato un accordo con il Tottenham: il club inglese però non avrebbe ancora trovato l’accordo con la squadra portoghese. La sua presenza all’allenamento fa pensare che sia quasi impossibile un suo trasferimento nelle prossime ore, cioè prima della scadenza del calciomercato inglese (oggi alle 18 italiane). Lo Sporting chiede più di 60 milioni di euro, l’offerta degli Spurs non va oltre i 55 e lo United potrebbe approfittarne. Intanto l’atmosfera a Lisbona è diventata bollente.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy