Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Adel Taarabt, caduta di un ex predestinato: dalla Champions League al triste tramonto negli Emirati Arabi…

Adel Taarabt, caduta di un ex predestinato: dalla Champions League al triste tramonto negli Emirati Arabi… - immagine 1
L’ex Milan e Genoa Adel Taarabt, dopo oltre un decennio con addosso l'etichetta di predestinato, sta concludendo la sua carriera negli Emirati Arabi Uniti, senza neanche fare la differenza...

Redazione Il Posticipo

Ci sono giocatori che, in qualche modo affascinano. Hanno quel qualcosa nel modo in cui si muovono in campo, quella particolarità nel tocco di palla, quel modo singolare di calciare che è difficile non pensare che siano dei predestinati. Alcune volte ci si azzecca pure ma altre… non proprio. È il caso di Adel Taarabt, che aveva incuriosito grandi squadre come Tottenham, Milan e Benfica, senza però fare mai quello scatto necessario per portare la propria carriera a un livello più alto.

IL BENFICA

A inizio 2017, il marocchino era tornato in Italia, in prestito al Genoa. Complessivamente, per un giocatore che ha bisogno di riprendersi e in un club che faceva non poca fatica, il suo bilancio non è stato del tutto negativo: ventinove presenze, due gol e cinque assist. Certo, il Grifone non sembra aver minimamente accennato a un tentativo di riscattarlo o di estendere il prestito a un’altra stagione e non si può biasimare troppo i liguri, se non altro per via di alcune gare saltate per squalifica e altre per problemi alla schiena. Tornato al Benfica, dove fino al 2019 non aveva mai varcato il campo neanche con la squadra riserve, all'improvviso il tecnico Bruno Lage è riuscito nell'impresa di trasformarlo completamente, regalando continuità all'ex milanista e riuscendo persino a raddrizzarlo dal punto di vista dei dettami tattici, reinventandolo come regista davanti alla difesa.

GLI EMIRATI

L'addio dell'allenatore, però, ha portato di nuovo Taarabt fuori dai radar. E pare per passare dalla Champions League (giocata, anche se non troppo, con la maglia del Milan) alla Arabian Gulf League, ci è voluto davvero poco. Sul trentatenne è infatti piombato l'Al-Nasr, club degli Emirati Arabi Uniti, che lo ha acquistato a fine settembre. Per lui però le cose non sembrano andare troppo bene neanche da quelle parti, perchè finora ha giocato tre partite, due di campionato e una di coppa, l'unica con lui in campo che la sua squadra abbia vinto. Non che siano arrivate soddisfazioni personali, perchè nel 220 minuti finora in campo non c'è stato nulla da segnare nel tabellino, nè gol, nè assist. Un triste tramonto per chi una volta era considerato una futura stella del calcio...