Addio alla nazionale? Deschamps bacchetta…l’entourage di Griezmann: “Non so se ha parlato suo zio, il suo cane, suo cugino o sua nonna”

Si scrive Griezmann, si legge “polemica”. Neanche per colpa del francese, ma a causa di chi a vario titolo gli sta attorno. Il possibile addio ai Bleus di una delle stelle della selezione, paventato dallo zio del blaugrana, non può passare inosservato a Deschamps. Che però…dribbla le domande a modo suo.

di Redazione Il Posticipo

Si scrive Antoine Griezmann, si legge “polemica”. Neanche per colpa del francese, che ufficialmente non rilascia dichiarazioni da un po’, ma a causa di chi a vario titolo gli sta attorno. Prima ci ha pensato il suo scopritore, Eric Olhats, ad agitare le acque, parlando di Messi come di un “monarca”, che a Barcellona crea un vero e proprio “regime del terrore”, in cui chi non è con la Pulce è automaticamente un nemico. Poi ci si è messo anche lo zio del transalpino, aggiungendo in un documentario che i blaugrana non si allenano abbastanza per compiacere Messi e che suo nipote aveva pensato di lasciare la nazionale dopo il mondiale vinto.

DOCUMENTARIO – Di quello che succede al Barcellona a Didier Deschamps interessa poco, ma il possibile addio ai Bleus di una delle stelle della selezione non può passare inosservato. Ecco perchè, come spiega Sport.es, durante la conferenza stampa che precede il match della Francia contro il Portogallo qualcuno chiede un commento alle dichiarazioni dell’entourage del Piccolo Diavolo. Ma il CT, che quando giocava era un centrocampista di sostanza, si trasforma in fantasista e…dribbla la domanda: “Sinceramente non ho visto il documentario, non so se ha parlato suo zio, il suo cane, suo cugino o sua nonna”.

RISPOSTA – Ma considerando che la sua risposta non è stata molto chiara, Deschamps aggiunge: “Parliamo di giocatori di livello internazionale, che hanno grandi capacità. Quello che posso dire è che i calendari sono molto fitti, è complicato per tutti e lo è ancora di più tenendo in considerazione un contesto sanitario così complicato e pesante per tutti”. Anche qui, però, nessuna considerazione diretta su Griezmann. E quindi il CT…si arrende. “Non so se ho risposto alla domanda che mi hai fatto, ma non sapevo davvero cosa dirti”. Una cosa è quasi certa, anche se Deschamps non poteva certo dirla: anche per il tecnico, attorno a casa Griezmann…si parla troppo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy