A mai più rivederci: dopo il 9-0 con lo United, il Southampton chiederà di non essere più arbitrato da Mike Dean

Perdere 9-0 non fa mai piacere, figurarsi se una sconfitta simile non arriva per la prima volta. E quindi…arrivano le lamentele. Non nei confronti della squadra o del tecnico, ma dell’arbitro della partita tra Southampton e Manchester United. I Saints chiederanno alla Premier di non essere più arbitrati da Dean…e non solo.

di Redazione Il Posticipo

Perdere 9-0 non fa mai piacere, figurarsi se una sconfitta simile non arriva per la prima volta. Il Southampton entra non proprio volontariamente nella storia della Premier League, essendo riuscito nel giro di neanche due anni a subire due volte una goleada così importante, prima in casa contro il Leicester City nell’ottobre 2019 e poi in trasferta contro il Manchester United. Ironia della sorte, nessuno dei due casi sembra essere riuscito a scalfire la panchina di Ralph Hasenhuttl, che continua ad avere la fiducia della società ed è convinto che, come già accaduto, i suoi ragazzi si risolleveranno. Parole che tutti i tifosi dei Saints volevano sentire, ma che forse non bastano. E quindi…arrivano le lamentele.

ERRORI – Non nei confronti della squadra o del tecnico, ma dell’arbitro della partita. Il signor Mike Dean, il fischietto spesso accusato di essere…tifoso del Tottenham, ha in effetti influito parecchio sulla partita, considerando che il Southampton è rimasto in dieci dopo appena settanta secondi. L’arbitro ha ritenuto che l’intervento del giovanissimo svizzero Alexandre Jankewitz su McTominay fosse da espulsione, facendo dunque durare il debutto in Premier League del classe 2001 molto meno di quanto ci si potesse aspettare. Da lì in poi la partita è stata un vero e proprio monologo dello United, che ha infierito sugli avversari in inferiorità numerica. Anzi, il finale del match i Saints lo hanno giocato addirittura in nove, per l’espulsione anche di Jan Bednarek, arrivata assieme alla concessione di un calcio di rigore.

 (Photo by Laurence Griffiths/Getty Images)

RICHIESTA – Abbastanza, come spiega il Daily Mail, affinchè il Southampton decida di presentare alla Premier League una richiesta formale di…non essere più arbitrato da Dean. I suoi errori sono stati considerati eccessivi e quindi il club non vuole più che il cinquantaduenne diriga i match in cui è coinvolta la squadra di Hasenhuttl. E già che ci sono, i Saints allungano anche la lista dei fischietti indesiderati. Nella richiesta ci sarà infatti anche il nome di Lee Mason, che nel match contro l’Aston Villa dello scorso weekend ha negato un rigore al Southampton e ha annullato, con l’ausilio della VAR, un gol di Ings per un fuorigioco che dalle parti del St. Mary’s Stadium non hanno considerato così evidente. Come risponderanno le autorità della massima divisione? Complicato a dirsi. Ma di certo, si tratta di una richiesta abbastanza inusuale!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy