calcio

A Madrid è guerra del Pasillo, l’Atletico non vuole applaudire il Real: “Noi rispettiamo i nostri tifosi…”

L'Atletico Madrid non ha alcuna intenzione di schierarsi e applaudire Ancelotti e i suoi quando scenderanno in campo al Wanda. Lo hanno già confermato alcuni dei senatori come Oblak e Gimenez, spiegando che i tifosi...non apprezzerebbero per nulla

Redazione Il Posticipo

La vittoria della Liga da parte del Real Madrid è un...doppio sgarbo all'Atletico. Non solo i rivali cittadini si riappropriano del titolo di Campioni di Spagna, strappandolo proprio ai Colchoneros, ma lo fanno in una stagione in cui i detentori del titolo non sono mai sembrati in grado di difendere la superiorità nazionale (e su Madrid) conquistata neanche un anno fa. E poi arriva l'ennesimo problema, perchè l'8 maggio si gioca il match che nessuno, nella parte bianca e rossa della capitale vorrebbe giocare: al Wanda Metropolitano va in scena Atletico Madrid-Real Madrid e come spiega AS portando la questione addirittura in cima alle notizie giornaliere, le polemiche, neanche a dirlo, sono già cominciate.

IL PASILLO - Il problema non sarà tanto l’impossibilità di rendere il derby di ritorno fondamentale per le sorti del campionato, quanto la necessità da parte dell'Atletico di fungere da guardia d’onore per chi ha già conquistato la Liga. Si parla infatti di una delle più antiche tradizioni del campionato spagnolo, quella che prevede che le squadre che affrontano chi vince una competizione nazionale debbano fungere da picchetto d’onore all’entrata della squadra in campo. Lo chiamano “Pasillo” e negli ultimi anni è stato fonte di polemiche, superfluo dirlo, tra Real Madrid e Barcellona. Nelle ultime stagioni, i Blancos e i Blaugrana hanno spesso evitato di congratularsi in campo con i grandi rivali, anticipando già il no al pasillo e giustificandolo con la rivalità tra i due club.

IL NO COLCHONERO - E l'Atletico, come spiega il quotidiano spagnolo, non ha alcuna intenzione di schierarsi e applaudire Ancelotti e i suoi quando scenderanno in campo al Wanda. Lo hanno già confermato alcuni dei senatori dei Colchoneros, a partire dal portiere Oblak, leader dello spogliatoio. "Da capitano, sono uno di quelli a cui il pasillo non piace, nè quando lo concediamo a qualcuno, nè quando lo riceviamo". A fargli eco un altro dei fedelissimi del Cholo, l'uruguaiano Gimenez. "Complimenti al Real per il titolo vinto, ma noi rispettiamo i nostri tifosi". Che, chiaramente, non apprezzerebbero per nulla un pasillo agli eterni rivali proprio nello stadio di casa. L'ultima parola, comunque, spetta al club e i calciatori sono pronti a rispettare qualsiasi decisione. La aficion, però, forse un po' meno...