calcio

A.A.A. cercasi allenatore baby sitter. Ingaggio? 90mila euro l’anno…

Un baby sitting da 90mila euro l’anno. Cifra esagerata? Dipende dalle esigenze dei genitori. In questo caso riguarda due bambini, da seguire nella crescita...calcistica. Obiettivo: farli diventare nuovi Messi. La notizia arriva direttamente...

Redazione Il Posticipo

Un baby sitting da 90mila euro l’anno. Cifra esagerata? Dipende dalle esigenze dei genitori. In questo caso riguarda due bambini: da seguire nella crescita calcistica. Obiettivo: farli diventare i nuovi Messi. La notizia arriva direttamente dall’Inghilterra, riportata dal Business Insider.

LAVORO – L’offerta di lavoro prevede oltre alla custodia dei bambini, anche tre sessioni intense di calcio a settimana. Due ore a seduta, comprese anche tre settimane di campus estivo. Un lavoro ben retribuito: quasi 8000 euro al mese. Il tutto finalizzato alla formazione di un calciatore (anzi, due) completo, in grado di militare nelle serie professionistiche. Meglio se in Premier, of course.

ANNUNCIO - Nell'annuncio di lavoro, la madre scrive che entrambi i genitori sono "disposti a fare qualsiasi cosa per assicurarsi che i nostri figli siano in grado di seguire i loro sogni". Tutto, come spesso accade in questi casi, accade da una passione frustrata. Il papà, infatti, secondo quanto si legge sull’annuncio, era un promettente calciatore ma è stato spinto su un percorso accademico. “Questo è qualcosa che non vogliamo mai succeda ai nostri ragazzi. Mio marito ed io siamo entrambi sui 40 anni e abbiamo lavorato duramente per oltre 20 anni nel nostro lavoro. Percepiamo un buon stipendio, ma abbiamo noiosi lavori aziendali che nessuno di noi gradisce. E non vogliamo si ripeta per i bambini. Hanno 8 e 10 anni sono entrambi incredibilmente talentuosi, e sono già i migliori nelle rispettive categorie”.

RECRUTING - Ovviamente rintracciare il candidato ideale non è facile: serve soprattutto qualcuno che abbia esperienze e contatti nel calcio professionistico. Non a caso lo stipendio è molto alto, sebbene si tratti di un rischio assolutamente controllato. Le finanze della famiglia non vengono troppo intaccate e, qualora l’investimento andasse in porto, 90mila euro rientrerebbero anche con un ingaggio di seconda o terza categoria. Il profilo ideale? Un ex-allenatore o giocatore che abbia esperienza nell'assistenza all'infanzia. Non resta che....farsi avanti.