Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

100 giorni dopo Messi, Xavi deve ricostruire quel che resta del Barcellona… senza Aguero, Ansu e De Jong

PALMA DE MALLORCA, SPAIN - OCTOBER 11:  Xavi Hernandez of Spain looks on during the FIFA 2014 World Cup Qualifier match between Spain and Belarus at Iberostars Stadium on October 11, 2013 in Palma de Mallorca, Spain.  (Photo by David Ramos/Getty Images)

Fra infortuni ed economia non è facile. Il debito continua a crescere lasciando aperta la possibilità che molte altre stelle possano lasciare il club.

Redazione Il Posticipo

Messi, primi 100 giorni lontano da Barcellona. E né la Pulce né in Catalogna sono contenti. Al di là dei Pirenei, dopo l'addio fra le lacrime dell'argentino, è accaduto davvero di tutto dentro e fuori dal campo. Il mirror ha provato a mettere ordine nel caos generato dopo la partenza. Restano, per ora, solo macerie. E tantissimo lavoro.

CAMPO - L'assenza di Messi è stata difficile da assorbire. Nonostante il ritorno di Griezmann e l'arrivo di Depay e Aguero, la squadra non è mai decollata. Anzi. Dopo 12 giornate il Barça langue al nono posto nella Liga con quattro vittorie e 17 punti. Sconfitta contro Atletico Madrid. Real Madrid e Rayo Vallecano con Koeman, non è cambiato molto con Sergi Barjuan incapace di superare l'Alaves in casa ma in grado di farsi recuperare tre gol di vantaggio in casa del Celta Vigo. La catena di cattivi risultati ha portato al licenziamento di Koeman ma Xavi avrà il suo bel da fare. Rischia di rinunciare ad Aguero, giò out per tre mesi. Dembele e Ansu Fati  passano più tempo in infermeria che in campo. E anche De Jong sarà sacrificato per fare cassa.

 BARCELONA, SPAIN - AUGUST 08: Lionel Messi of FC Barcelona faces the media during a press conference at Nou Camp on August 08, 2021 in Barcelona, Spain. (Photo by Eric Alonso/Getty Images)

CLUB -  A proposito di cassa. La nuova gestione economica imposta dal nuovo vecchio presidente Laporta ha  permesso di limitare i danni, ma il debito continua a crescere lasciando aperta la possibilità che molte altre stelle possano lasciare il club. Al netto del cambio al vertice societario, il Barcellona continua a soffrire parecchio. La Liga ha confermato che le possibilità economiche del Barça sono inferiori a Siviglia, Atletico Madrid, Villarreal, Real Sociedad e Athletic Bilbao, E ha solo 20 milioni di euro in più da spendere  rispetto all'Espanyol, reduce da una stagione in seconda divisione. Alle perdite economiche si è aggiunta la disaffezione del pubblico che continua a disertare il Camp Nou. Nonostante tutte le restrizioni siano state revocate, le partite del Barcellona hanno regolarmente registrato meno di 50.000 spettatori. La speranza è che l'effetto Xavi possa invertire la rotta.