Tutti pazzi per Rafa…o quasi! Appena finito il match, Kyrgios stuzzica lo spagnolo su Instagram

Tutti pazzi per Rafa…o quasi! Appena finito il match, Kyrgios stuzzica lo spagnolo su Instagram

Rafa Diciannovesimo regna agli US Open. Il maiorchino mette per la quarta volta la sua firma a Flushing Meadows e riceve i complimenti di tutto il mondo del tennis. Beh, quasi di tutto, perchè è davvero impossibile che non ci sia una voce fuori dal coro. Che ovviamente appartiene a Nick Kyrgios.

di Redazione Il Posticipo

Rafa Diciannovesimo regna agli US Open. Il maiorchino mette per la quarta volta la sua firma a Flushing Meadows e riceve i complimenti di tutto il mondo del tennis. Beh, quasi di tutto, perchè è davvero impossibile che non ci sia nessuno a cui…si sta un po’ antipatici. E quindi mentre i colleghi e lo stesso Medvedev riempiono di splendide parole lo spagnolo, arriva la voce fuori dal coro. Che ovviamente appartiene a Nick Kyrgios. A pochi minuti dalla fine dell’incontro tra il russo e Nadal, l’australiano mette subito in chiaro chi sia il suo tennista preferito. E non indica di certo il vincitore del match.

IL MIO GIOCATORE PREFERITO – “My favourite player” sopra una foto di Medvedev. Questa l’ultima story di Kyrgios sul suo profilo Instagram. Certo, sono complimenti al russo, che ha fatto sudare a Nadal le proverbiali sette camicie portandolo al quinto set dopo essere stato sotto per 2-0. Ma non sfugge la vena polemica nei confronti del maiorchino, con cui l’australiano si è scontrato spesso e volentieri, in campo ma soprattutto fuori. Gli ultimi attriti sono arrivati a Wimbledon, quando Kyrgios ha colpito volontariamente l’avversario e in conferenza stampa non si è scusato, ma, come ricorda il Guardian, ha preferito…prendere in giro lo spagnolo. “Quando gli è arrivato il passante addosso, perché avrei dovuto scusarmi? Quanti Slam ha vinto, quanti soldi ha guadagnato, e non può prendersi una pallata nel petto se capita?”.

RISPETTO – Insomma, non c’è certo amore tra i due. E dire che quando giocano contro, lo spettacolo è assicurato, come in Messico a inizio 2019. Un match passato alla storia non tanto per la rimonta di Kyrgios (3-6, 7-6, 7-6), quanto per una mezza sceneggiata a fine primo set (un finto infortunio), per i festeggiamenti esagerati dell’australiano e per le polemiche post-partita di Nadal. “Potrebbe vincere i tornei dello Slam e lottare per le prime posizioni del ranking, ma c’è un motivo per cui è lì dove sta. Gli manca il rispetto per il pubblico, per l’avversario e per se stesso”. La risposta? “Nadal non mi conosce e non lo starò a sentire”. Dunque, improbabile che Rafa si aspettasse i complimenti da parte del rivale. E, visto lo slam numero 19, se ne farà anche una ragione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy