Silverstone non lascia, anzi prova a raddoppiare: “Si può correre due volte qui…”

Silverstone non lascia, anzi prova a raddoppiare: “Si può correre due volte qui…”

Dopo la cancellazione di Wimbledon, l’amministratore delegato del GP di Gran Bretagna è a caccia di soluzioni per salvare la gara e, se possibile… raddoppiarla.

di Redazione Il Posticipo

La stagione di F1 sembra appesa a un filo. Cancellato anche il Gp di Francia, l’Europa rischia di perdere anche Silverstone. Il rischio, essendo l’evento fissato il 19 luglio. esiste. Ed è forte. Tuttavia, secondo quanto riportato da Sky Sport UK  e ripreso dal sito f1passion.com gli organizzatori non hanno intenzioni di cancellare la gara. Anzi, se possibile, di raddoppiarla.

CORRERE – Stuart Pringle, amministratore delegato dell’organizzazione del GP assicura che farà il possibile per salvare la corsa. “Silverstone e la F1 sono in costante contatto per valutare se il weekend dal 17 al 19 luglio sia una possibilità percorribile, anche perché la logistica e la preparazione dell’evento è molto diversa rispetto a Wimbledon. Abbiamo concordato di prorogare il termine della decisione definitiva alla fine del mese di aprile. Credo che le misure applicate per arginare la diffusione del contagio possano portare a dei risultati”.

RADDOPPIO – Nessuna intenzione di mollare dunque. Anzi, se possibile, Silverstone si candida anche come “pista di riserva” per ospitare altri Gran Premi. Un’ipotesi sostenuta dalla logistica. “Noi siamo disposti a dare una mano anche all’intero movimento della F1. Potremmo ospitare anche più di un gran premio. La maggior parte delle scuderie ha sede in Gran Bretagna, molte a pochi chilometri da Silverstone.  Quindi non credo sia un problema poter gareggiare qui per due volte. Abbiamo sempre scelto l’estate perché lo riteniamo il periodo ideale per un evento sportivo in Inghilterra, ma da queste parti si gioca anche nel mese di settembre. Quindi non vedo perché non si potrebbe correre”. Due gare sulla stessa pista rischiano di appiattire lo spettacolo. Ecco allora l’ultima idea. “Si potrebbe correre anche nel senso opposto. Del resto si tratta di un periodo fuori dall’ordinario e dunque possono essere prese anche decisioni straordinarie“.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy