Olimpiadi, Piccinini: “Scelta giusta, la salute va tutelata. E comunque l’età è solo un numero…”

Olimpiadi, Piccinini: “Scelta giusta, la salute va tutelata. E comunque l’età è solo un numero…”

La pallavolista commenta il rinvio dei Giochi Olimpici. Una decisione per chi, come lei, sognava ancora l’oro, penalizzante.

di Redazione Il Posticipo

Tokyo 2020 diviene… 2021. Non una bellissima notizia per Francesca Piccinini che vede allontanarsi nuovamente l’oro olimpico. Un sogno lontano, certo, ma pur sempre ancora coltivabile. Dopo questa decisione è tutto ancora più complicato. Le parole della pallavolista sono riportate da Sky Sport.

BERGAMO – Era tornata per giocarla e vincerla. Un sogno che sembra infrangersi. Adesso dovrà aspettare. “La notizia era nell’aria. Vorrà dire che aspetterò un altro anno.  No scherzo. Comunque sicuramente è stata presa una decisione giusta. La salute viene prima di tutto. Salvaguardare gli atleti è la cosa migliore”. E la carta d’identità non è un problema. Anche se il nemico è subdolo. E Bergamo che Francesca conosce bene, è la più colpita. “Ho un sacco di amici, è la mia seconda casa, ce l’ho nel cuore. Sto soffrendo tantissimo con loro, li sento spesso è una situazione bella tosta. Dobbiamo attenerci alle regole e nel nostro piccolo, aiutare”.

FUTURO  –  Scorrono le immagini del passato. Con lo sguardi rivolto al futuro. “Non c’è mai stata alcuna rivalità con Maurizia Cacciatori. Insieme abbiamo vinto tanto e ci siamo sentiti anche dopo la pallavolo. So che a Bergamo stanno facendo un grandissimo lavoro. Rivedendo le immagini di quando giocavano nella “foppa” mi si stringe il cuore. L’età è un numero, l’importante è lo spirito. Io mi sento ancora in forma. Intanto mi alleno a casa. E restateci anche voi”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy