La scommessa del secolo: un finlandese azzecca il podio di Monza e diventa ricco…puntando 20 centesimi!

La scommessa del secolo: un finlandese azzecca il podio di Monza e diventa ricco…puntando 20 centesimi!

Lo sport è imprevedibile e pieno di sorprese, ma non si va troppo lontani dalla realtà sostenendo che probabilmente sulla vittoria di Gasly a Monza non ci avrebbe puntato un euro neanche sua madre. E invece qualcuno ha scommesso sul francese, ma anche su Sainz e Stroll, azzeccando il podio più pazzo della Formula 1 recente…

di Redazione Il Posticipo

Alzi la mano chi, in tutta serietà, prima del Gran Premio d’Italia di Formula 1 pensava che a portare a casa la vittoria sarebbe stato Pierre Gasly. Certo, lo sport è imprevedibile e pieno di sorprese, ma non si va troppo lontani dalla realtà sostenendo che probabilmente sul francese non ci avrebbe puntato un euro neanche sua madre. Ma evidentemente, qualcuno è stato più coraggioso della signora Pascale e ora se ne gode i frutti. Una storia assurda, che è stata riportata persino dagli account social ufficiali del campionato di Formula 1. E che dimostra che, non importa quanto sia alta una quota, a volte vale la pena…rischiare una moneta.

166MILA VOLTE – Come ha spiegato la testata Yle, qualcuno in Pierre Gasly ci ha creduto parecchio. E a dirla tutta, ha creduto anche nella strana coppia che lo ha accompagnato sul podio, Carlos Sainz e Lance Stroll. Una AlphaTauri, una McLaren e una Racing Point, senza Ferrari (e ci poteva stare, viste le prove) e senza Mercedes (qui l’azzardo è stato decisamente maggiore) a festeggiare dopo la bandiera a scacchi. Una tris, se si stesse parlando di cavalli, talmente improbabile che pagava 166mila volte la posta. Al confronto, il 5000 a 1 offerto dai bookmakers inglesi per il campionato poi vinto dal Leicester è roba da bambini. Ma un ignoto scommettitore di Tampere, ispirato da chissà cosa (o forse…un viaggiatore del tempo), ha deciso che il podio sarebbe stato quello.

VENTI CENTESIMI – Eppure, a ben vedere, non ha avuto poi tutta questa fiducia, perchè ha puntato appena venti centesimi. Risultato, una vincita da 33mila euro. Poteva andare decisamente meglio, ma vista l’improbabilità dell’ordine d’arrivo è già un mezzo miracolo che il fortunato finlandese abbia azzeccato la sua giocata. L’agenzia Veikkaus, che ha il monopolio delle scommesse da quelle parti, spiega che la quota complessiva più vicina a quella di Monza era quella del GP di Azerbaijan 2017, vinto da Ricciardo, davanti a Bottas e Stroll. In quel caso, un euro pagava 63mila volte la posta, stavolta oltre il doppio. E se per pensare che Gasly avrebbe potuto vincere ci voleva coraggio…beh, qualcuno è stato ampiamente ripagato.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy