La rivelazione di McGrady: “Kobe mi aveva detto che voleva morire giovane”

La rivelazione di McGrady: “Kobe mi aveva detto che voleva morire giovane”

La scomparsa dell’ex stella dei Los Angeles Galaxy ha scosso tutto il mondo. Tra i colleghi più scioccati da quanto accaduto c’è Tracy McGrady che ha rivelato che Bryant parlava spesso di una sua prematura scomparsa.

di Redazione Il Posticipo

Assolutamente difficile da realizzare: la scomparsa di Kobe Bryant ha colpito a morte la grande famiglia della pallacanestro di tutto il mondo. La tragedia dell’ex stella dei Los Angeles Galaxy ha lasciato un vuoto incolmabile nel cuore di tutti. Stanno proseguendo le indagini sulle cause dell’incidente costato la vita a Bryant, alla figlia 13enne Gianna e ad altre sette persone. Intanto continuano a giungere continue manifestazioni di vicinanza emotiva alla famiglia del cestista scomparso che aveva espresso un desiderio che è stato tragicamente esaudito.

RIVELAZIONE – Tra gli sportivi più colpiti dalla tragedia aerea c’è Tracy McGrady. L’ex giocatore dei Rockets ha fatto una rivelazione sorprendente ai microfoni del programma “The Jump” in onda su ESPN: “Sembra una cosa folle, ma Kobe me lo diceva tutto il tempo: ‘Voglio morire giovane, voglio restare nella memoria di tutti. Voglio che la mia carriera sia migliore di quella di Michael Jordan e voglio morire giovane‘“. Il desiderio espresso dall’ex stella dei Los Angeles Lakers si è tristemente avverato il 26 gennaio 2020 dopo uno schianto in elicottero, da sempre mezzo di trasporto preferito da Kobe e dalla sua famiglia.

“SONO DEVASTATO” – McGrady non voleva dare corda al collega, considerando folli le sue parole ed è rimasto a bocca aperta quando ha appreso la notizia: “Ero con mia figlia quando mia moglie mi ha comunicato la morte di Kobe. Non ci potevo credere, come tutto il mondo. Sono devastato… Bryant diceva di voler morire giovane molto prima di avere figli, quando sono nati i ragazzi non ha più fatto questi pensieri”. Un cinico destino, però si è preso lo stesso gioco di lui, della piccola Gianna e delle altre persone a bordo dell’elicottero che si è schiantato.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy