altri sport

I “graffi” di Hamilton, fra polemiche e diritti civili

Redazione Il Posticipo

 NUERBURG, GERMANY - OCTOBER 11: Lewis Hamilton of Great Britain driving the (44) Mercedes AMG Petronas F1 Team Mercedes W11 leads a line of cars during the F1 Eifel Grand Prix at Nuerburgring on October 11, 2020 in Nuerburg, Germany. (Photo by Joe Portlock/Getty Images)

"Mio padre mi disse di rispondere sempre sul campo alle critiche. Ed è quello che faccio sin dal primo giorno". 

Il piccolo Hamilton era un karateka. Aveva scelto questo sport su consiglio della famiglia per difendersi dai bulli alle elementari. Poi ha evidentemente scelto, in tutti i sensi, un'altra strada. Anche nel momento in cui ha preso per la prima volta il volante, il consiglio del padre è stato identico. Hamilton lo ha memorizzato e utilizzato: e chi lo ha insultato o deriso è stato costretto a chinarsi di fronte ai suoi successi.