“Not Impressed”: McKayla Maroney e una smorfia contro le molestie

McKayla Maroney era già famosa anche in Italia, anche se solo per un’espressione facciale. Ma ora è il simbolo delle atlete della nazionale statunitense di ginnastica molestate dal dottore della squadra.

di Redazione Il Posticipo

McKayla Maroney era già famosa anche in Italia, anche se solo per un’espressione facciale. Era l’atleta che sul podio Olimpico di Londra 2012, dopo aver vinto la medaglia d’argento al volteggio, aveva una faccia talmente poco felice che quella foto era diventata virale. Il titolo? “Not impressed”, McKayla non si lasciava impressionare da nulla, neanche dalla manifestazione più importante del mondo. Quel piccolo vezzo le era valso una notorietà internazionale, ma chissà se nascondeva già il malessere che oggi fa il giro del mondo. Denaro per il suo silenzio, oltre un milione di euro per ritirare le accuse contro il dottor Nassar, che nel corso degli anni come medico della nazionale statunitense di ginnastica avrebbe compiuto molestie centinaia di ragazze. Lei inclusa.

McKayla Maroney, pagata per il suo silenzio

Una carriera splendida quella della Maroney, culminata proprio a Londra con la vittoria dell’oro nel concorso a squadre, ma ormai totalmente oscurata da ciò su cui i media si sono maggiormente concentrati. La foto prima, le accuse poi. Accuse pesanti, perchè adesso ci sono di mezzo anche il comitato olimpico statunitense e la federazione di ginnastica, complici del silenzio nei confronti del dottor Nassar, al punto da proporre un concordato. Una gratificazione economica per la firma di un accordo di non divulgazione dei panni sporchi della faccenda, che evidentemente era già nota negli ambienti che contano. Una firma, secondo l’atleta ed il suo entourage, imposta approfittando di uno stato di turbamento.

Molestie su oltre cento atlete

Un turbamento che, attraverso le sedute psicologiche (pagate dalla federazione nell’ambito dell’accordo sottoscritto) sembrava essere scomparso. McKayla, anche dopo il ritiro, avvenuto prima delle Olimpiadi di Rio, ha partecipato a serie TV, video musicali, il suo “not impressed” è addirittura arrivato alla Casa Bianca, sul volto di Barack Obama. Tra le foto dell’anno 2012 c’è la Maroney, ma non mentre vola sulla tavola, che le ha regalato due medaglie mondiali. No, mentre esprime un disappunto profondo, con un’aria tra lo scanzonato e l’arrabbiato. Lo stesso disappunto che ha covato per anni, assieme ad oltre cento altre ginnaste, coinvolte loro malgrado nel più grande caso di molestie nella storia dello sport americano. Il dottor Nassar è già in carcere, per possesso di materiale pedopornografico. Ma l’innocenza alle ragazze non verrà mai restituita. E questo non impressiona quanto dovrebbe.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy