F1, Sainz studia da “big” in quarantena: “Mercedes o Ferrari non importa, posso ottenere ottimi risultati”

F1, Sainz studia da “big” in quarantena: “Mercedes o Ferrari non importa, posso ottenere ottimi risultati”

Il pilota spagnolo ha chiuso in crescendo la scorsa stagione e, in vista di un 2020 piuttosto nebuloso ma che potrebbe riservare clamorose novità nel mercato piloti, si candida a un ruolo di protagonista.

di Redazione Il Posticipo

Carlos Sainz studia da… “big” in quarantena. Il pilota spagnolo ha chiuso in crescendo la scorsa stagione e, in vista di un 2020 piuttosto nebuloso ma che potrebbe riservare clamorose novità nel mercato piloti, si candida a un ruolo di protagonista. Con finestra aperta su un top team. Le sue parole sono riprese dal Mundo Deportivo.

START – La partenza è il momento più complicato di un Gran Premio. Nel caso della F1 il concetto diviene vitale per la sostenibilità del sistema. Anche a costo di correre senza tifosi. “Non serve essere un guru dell’economia e della politica. Quanto sta accadendo in McLaren è una rappresentazione di ciò succede in Spagna e nel Mondo. Non credo che l’economia possa resistere ancora a lungo. Serve una soluzione in attesa di quel vaccino che spero arrivi il più presto possibile. È necessario  trovare una soluzione perché il lavoro di molte persone dipende dal motorsport. Ovviamente preferisco avere un fine settimana normale, pieno di pubblico, ma occorre adattarsi. Se inizi la stagione sapendo che si tratta di un campionato con otto Gran Premi. Se mi garantiscono poche gare ma sicure al 100% allora è giusto andare avanti”.

FUTURO – Una volta che la pandemia sarà un ricordo, tutto tornerà come prima. O forse no. Sainz è uno dei giovani più quotati. “C’è troppo tempo libero e troppo tempo per leggere le cose. A volte cerco di leggere un libro o guardo delle seri TV, cerco di isolarmi dalle voci. Da pilota, però, seguo anche le notizie della Formula 1: adesso credo sia davvero tutto fermo, anche perché  non si possono prevedere investimenti, ma quello che posso dire è che mi fido delle mie capacità come pilota. E credo che sia in Ferrari o in una Mercedes posso ottenere ottimi risultati non vi sono dubbi al riguardo”. 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy