2019, l’anno d’oro del tennis maschile italiano: gli azzurri non andavano così bene dal 2004

2019, l’anno d’oro del tennis maschile italiano: gli azzurri non andavano così bene dal 2004

Il tennis maschile italiano è decisamente in salute. Basta vedere i risultati del Master 1000 di Shanghai. Due azzurri ai quarti, Fognini e Berrettini. Ed entrambi sono ancora in corsa per le Finals ATP di metà novembre. Un momento davvero positivo, che riporta la mente a tanti anni fa…

di Redazione Il Posticipo

Il tennis maschile italiano è decisamente in salute. Basta vedere i risultati del Master 1000 di Shanghai. Due azzurri ai quarti, grazie alle vittorie di Fabio Fognini contro Khachanov per 6-3, 7-5 e quello di Matteo Berrettini contro Bautista, liquidato con un 7-6 (5) 6-4. Entrambi gli azzurri sono ancora in corsa per le Finals ATP di metà novembre, con Berrettini al momento virtualmente qualificato e Fognini alla ricerca di punti per strappare il pass. Un periodo d’oro per il tennis italiano, che in questo 2019 ha messo insieme numeri importanti, che non si vedevano da ormai quindici anni.

COME QUINDICI ANNI FA – Prima della stagione attuale, l’ultima doppietta azzurra nei quarti di un Master 1000 era infatti datata addirittura 2004. Quell’anno sono stati Filippo Volandri e Andreas Seppi a farsi valere, sulla terra rossa di Amburgo. Entrambi però sono poi stati eliminati, rispettivamente da Davydenko e Gasquet. Ma la cabala non deve spaventare, perchè quello di Shanghai non è il primo uno-due tricolore in un Master 1000 nel 2019. E nell’occasione precedente, è addirittura arrivata la vittoria. Ad aprile Fabio Fognini ha vinto il torneo di Montecarlo e fino ai quarti è stato accompagnato nel tabellone da un altro azzurro, Lorenzo Sonego. Che è stato poi fermato dallo stesso Lajovic che Fognini ha sconfitto in finale.

ANNO D’ORO – Una doppietta storica quella ottenuta in Cina, anche perchè è la prima che arriva sul cemento, lontano dalla terra rossa, solitamente più affine agli azzurri. E in attesa di sapere se uno tra Berrettini e Fognini (o perchè no, entrambi!) arriverà alla O2 Arena di Londra per giocarsi le Finals, il 2019 si può già tranquillamente annoverare come l’anno migliore del periodo recente per il tennis maschile italiano. Oltre alla vittoria a Montecarlo, Fognini può infatti anche vantare l’ingresso nella Top Ten (a luglio, nono posto), mentre Berrettini ha vinto a Budapest, a Stoccarda e ha raggiunto una storica semifinale agli US Open. E l’ingresso di Caruso in top 100 porta a otto il numero degli italiani tra i migliori del mondo. Insomma, non c’è proprio di che lamentarsi in questa stagione. E il bello potrebbe ancora venire…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy