Young è avvisato: la Serie A non è un campionato per inglesi, tra flop, meteore e talenti sfortunati

Young è avvisato: la Serie A non è un campionato per inglesi, tra flop, meteore e talenti sfortunati

L’esterno del Manchester United passa all’Inter. Il passato insegna che la Serie A è ostica per i sudditi della regina Elisabetta. Gascoigne e Beckham hanno fatto parlare di sé anche fuori dal campo, Chalobah è passato inosservato. Ma il precedente di Smalling fa ben sperare…

di Redazione Il Posticipo

Ex compagni

Sulle orme del suo compagno di squadra Smalling, passato alla Roma in estate, anche Ashley Young ha deciso di mettersi in gioco in Italia. L’esterno arriva all’Inter e spera di contribuire anche lui a invertire una tendenza che ormai sembrava ben radicata. Il passato insegna che la Serie A è ostica per i sudditi della regina Elisabetta. Anche il centrale giallorosso era stato accolto con un po’ di scetticismo, ma è subito diventato un perno della squadra di Fonseca. Ora tocca a un altro ex United confermare che gli inglesi nel nostro campionato possono starci eccome. Anche se esempi contrari non mancano…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy