Vardy, pazzo lui e pazza l’idea di… riprovarci

Vardy, pazzo lui e pazza l’idea di… riprovarci

L’attaccante è tornato a segnare come tre anni fa, quando ha trascinato allo scudetto il Leicester di Ranieri. Adesso, l’attaccante più pazzo della squadra capace dell’impresa più pazza della storia del calcio del XXI secolo ci riprova…

di Redazione Il Posticipo

RICOMINCIAMO

Leicester City's Italian manager Claudio Ranieri (L) gestures as he talks with Leicester City's English striker Jamie Vardy (R) on the touchline during the English Premier League football match between Hull City and Leicester City at the KCOM Stadium in Kingston upon Hull, north east England on August 13, 2016. / AFP / Lindsey PARNABY / RESTRICTED TO EDITORIAL USE. No use with unauthorized audio, video, data, fixture lists, club/league logos or 'live' services. Online in-match use limited to 75 images, no video emulation. No use in betting, games or single club/league/player publications. / (Photo credit should read LINDSEY PARNABY/AFP/Getty Images)

Leicester sogna il… Leicester di Ranieri. Adesso, l’attaccante più pazzo della squadra capace dell’impresa più pazza della storia del calcio del XXI secolo ci riprova. La sua è una favola partita dal basso, o meglio… dalla fabbrica. La carta in più di quella squadra fu infatti l’operaio Jamie Vardy, uno dalla gavetta lunga e anche piuttosto problematica. È cresciuto nelle serie minori con una cavigliera elettronica al piedi: al fischio finale aveva il coprifuoco, era stato condannato infatti dopo una rissa scatenata nell’intento di difendere un amico disabile. Con Ranieri però Jamie si prese la più grande rivincita della sua vita: nato brutto anatroccolo divenne uno stupendo principe grazie a quel Leicester.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy