calcio

Vialli e gli altri guerrieri del pallone

Redazione Il Posticipo

 FLORENCE, ITALY - JULY 29: Sinisa Mihajlovic manager of Bologna FC gestures during the Serie A match between ACF Fiorentina and Bologna FC at Stadio Artemio Franchi on July 29, 2020 in Florence, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Sinisa Mihajlovic, un gigante. Il tecnico del Bologna è uno di quelli che non si è fatto abbattere neanche da una malattia grave come la leucemia. Poco più di due anni fa, per lui arrivava il trapianto. Eppure tra una cura e l'altra, non si è mai fatto mancare nulla, andando in panchina a spronare i suoi alla sua maniera. L'allenatore, nel momento in cui si è trovato a combattere con il male che lo ha colpito, non ha mai abbassato la guardia. Come ha spiegato più volte, non ultimo nella sua autobiografia, ha deciso di affrontare la malattia a testa alta. Un guerriero vero, il tecnico serbo. Che, come faceva in campo, ha lottato e ora può dire da guerriero vero di aver vinto la battaglia.