Tomori è avvisato: la Serie A non è un campionato per nazionali inglesi, tra flop, meteore e talenti sfortunati

Il passato insegna che la Serie A è ostica per i sudditi della regina Elisabetta, anche se gli ultimissimi precedenti fanno ben sperare…

di Redazione Il Posticipo

Ex compagni

(Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Tomori sbarca a Milano. Come ha fatto anche Young che ha deciso di mettersi in gioco in Italia e ricalcando la scelta di Smalling, che ha fortemente voluto la Roma in esta- Il passato insegna che la Serie A è ostica per i sudditi della regina Elisabetta. Anche il centrale giallorosso era stato accolto con un po’ di scetticismo, ma è subito diventato un perno della squadra di Fonseca. Ora tocca a una altro suddito del campionato di Sua Maestà confermare che gli inglesi nel nostro campionato possono starci eccome.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy