Romanzo capitale: l’esultanza di Di Canio, il selfie di Totti, le notti di Castroman e Montella…

Romanzo capitale: l’esultanza di Di Canio, il selfie di Totti, le notti di Castroman e Montella…

La stracittadina della Capitale è qualcosa di unico: un match dove anche quando non ci sono vincitori nè vinti resta sempre qualcosa da raccontare

di Redazione Il Posticipo

29/04/2001 – ROMA-LAZIO 2-2

Un derby che vale uno Scudetto. In un Olimpico strapieno e con due coreografie che, a modo loro, entrano entrambe nella storia, La partita è molto nervosa, ricca di falli e povera di emozioni. A scaldare la Curva Sud ci pensa a inizio ripresa Gabriel Omar Batistuta. Poi il solito Delvecchio raddoppia. Quando manca poco meno di un quarto d’ora alla fine, mentre molti tifosi biancocelesti stanno già uscendo dallo stadio, Nedved fulmina Antonioli e regala al derby un finale incandescente. Nell’ultimo disperato assalto laziale, proprio alla fine dei cinque minuti di recupero concessi da Braschi, Castroman si lancia sulla ribattuta di un corner e con un rasoterra gela i tifosi giallorossi. 2-2 che rallenta ma non frena la marcia della Roma verso il titolo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy