“Sieg Heil”, “Gomorra”, la “Rubentus”: nel calcio la figuraccia…è dietro l’angolo

Marco Van Basten, per prendere in giro il tedesco stentato di un giornalista olandese, utilizza un’espressione tipica del Terzo Reich, il che costringe il tre volte Pallone d’Oro a chiedere scusa per “una battuta riuscita male”. Ma nel calcio 2.0 non sarà l’ultima figuraccia. E non è di certo neanche la prima…

di Redazione Il Posticipo

SIEG HEIL

Una bella gaffe. Nella carriera di Marco Van Basten, tra trofei e reti da antologia, questa mancava. Eppure il Cigno di Utrecht finisce al centro delle polemiche, quando in TV, per prendere in giro il tedesco stentato di un giornalista olandese, utilizza un’espressione tipica del Terzo Reich. Quel “Sieg Heil” costringe il tre volte Pallone d’Oro a chiedere scusa per “una battuta riuscita male”. Ma nel calcio 2.0 non sarà l’ultima figuraccia. E non è di certo neanche la prima…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy