Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Serie A, primati insuperabili: i record che difficilmente verranno battuti questa stagione…

(Photo by Matthew Ashton/EMPICS via Getty Images)

Il campionato regalerà molti spunti e forse nuovi record: alcuni, però, restano inattaccabili da diversi anni....

Redazione Il Posticipo

La serie A regalerà sicuramente molte storie da raccontare: vi sono però, alcuni traguardi che, per forza di cose, resteranno insuperabili. Perché è vero che i record sono stabiliti per essere battuti, ma alcuni sembrano davvero inavvicinabili. Uno, assolutamente impossibile da superare, è quello dell'Inter: impossibile avere più presenze in A dei nerazzurri, mai retrocessi. Nessuna squadra ha chiuso il campionato da imbattuta nella scorsa stagione quindi il record del Milan può dormire sonni tranquilli: impossibile, che nel 2019/2020 qualcuno possa arrivare a 58 partite consecutive senza sconfitte. Record che resta saldamente nelle mani del Milan che dal maggio del 1991 al marzo del 1993 con Fabio Capello in panchina non conoscerà l'onta della sconfitta.

CATTIVI - Anche la collezione di "rossi" è imbattibile. A quota 16, in campionato, in perfetta solitudine, c'è Paolo Montero, detto "Pigna". Uno dei giocatori più cattivi di sempre ha collezionato, di fatto, un girone di cartellini rossi, 13 dei quali diretti e tre per doppia ammonizione. Il suo record è fissato imperituro e nessuno, a meno che non ci si impegni davvero, può raggiungerlo: il più vicino è Felipe, a quota 12.  L'espulsione più veloce della storia della serie A non appartiene nè a Felipe Melo nè a Montero. Il record è di GiuseppeLorenzo, che rimane in campo per appena 10secondi in occasione del match tra Parma e Bologna del 6 dicembre 1990. Giusto il tempo di dare una gomitata in faccia ad Apolloni e salutare.

BOMBER - E anche i gol.  Luca Toni, a dispetto della carta d'identità,  fra i 36 e i 38 anni, vive una straordinaria....terza giovinezza con la maglia dell'Hellas Verona. 20 gol nel 2014 non convincono Prandelli a portarlo al Mondiale. E lui ne segna 22 nella stagione 2014/2015 vincendo il titolo di capocannoniere in coabitazione con Icardi. Il più veloce in gol dopo 6 secondi e 76 centesimi durante Sassuolo-Milan del 20/12/2020-

SARACINESCA   22 anni dopo Sebastiano Rossi, Buffon nella stagione 2015/16 riscrive la storia del campionato di calcio: alza i minuti di imbattibilità consecutivi a 974. Dieci partite e tre quarti senza prendere uno straccio di gol. E la striscia temporale è interrotta solo da un calcio di rigore, in un derby, siglato da Belotti nel 2016. Un altro record difficilmente superabile: a 44 anni e 38 giorniBallotta difende ancora la porta di una squadra di serie A. La Lazio si affida a lui, che come consuetudine risponde presente e non si fa trovare impreparato.