calcio

Pelè e gli altri: quando il soprannome è celebre ma…indesiderato

Redazione Il Posticipo

 (Photo by Giuseppe Bellini/Getty Images)

Anche in Italia però non si scherza mica con i soprannomi fantasiosi. E l’esempio più recente è quello di Josip Ilicic, che all’Atalanta è diventato...la Nonna. Il perché lo spiega Gasperini: "Regolarmente, durante ogni allenamento, i compagni lo chiamano 'la nonna'. Il motivo? Perché arriva sempre distrutto, stanco. A chiunque gli chieda come sta, lui risponde 'male, male'". Quindi lo sloveno è solito lamentarsi di una serie di acciacchi non ben definiti, che agli occhi dei compagni lo rendono assai simile...a una vecchietta, tra mal di schiena e fastidi vari.  E quindi si può dire che le ottime stagioni a Bergamo dimostrano...che il talento non ha età!