calcio

Edson Arantes do Nascimento, che non amava essere chiamato Pelé: come tanti altri…

Edson Arantes do Nascimento, che non amava essere chiamato Pelé: come tanti altri… - immagine 1
Molti calciatori hanno un soprannome, che a volte si scelgono e altre...gli viene affibbiato. E non è detto che tutti siano contenti di essere chiamati con un nome diverso dal proprio. A partire da uno dei giocatori più celebri di tutti i tempi...

Redazione Il Posticipo

Pelè

—  

Il mondo del calcio piange Edson Arantes do Nascimento, per tutti semplicemente Pelé. Che però...non sopporta di essere chiamato Pelè. O Rei ha raccontato la genesi del soprannome che lo ha reso celebre in tutto il mondo, specificando più volte che il suo nome è Edson e che preferirebbe che tutti lo chiamassero così. Tutto, spiega il brasiliano, nasce dal fatto che il futuro campione storpiava il nome del portiere Bile in una maniera che un altro bambino utilizzava per far arrabbiare il futuro campione. E si sa, quando tra bambini una parola fa innervosire gli altri...si continua ad usarla.

Gatto

Edson Arantes do Nascimento, che non amava essere chiamato Pelé: come tanti altri…- immagine 2
—  

Karim Benzema, per gli spagnoli...ElGato. E tutto viene da una frase di Josè Mourinho, che ai tempi del Real, in una conferenza stampa, regala un capolavoro dei suoi. Costretto dalle assenze a giocare con il solo francese in attacco, lo Special One spiega: "Se non hai un cane per andare a caccia e hai un gatto, vai con il gatto perché hai solo lui". E alla fine Benzema è rimasto El Gato per gli iberici, un soprannome che pare non essere di grandissimo gradimento da parte del centravanti del Real. Che però può sempre giustificarlo con i suoi movimenti...felini sotto porta.

Jardinero

Edson Arantes do Nascimento, che non amava essere chiamato Pelé: come tanti altri…- immagine 3
—  

Pollice verde? Decisamente no. Julio Cruz, ex attaccante tra le altre di Inter, Lazio e Bologna, di piante non ne sa proprio nulla. Eppure per tutti è diventato El Jardinero. Tutta colpa di un giornalista, che quando aveva 17 anni e giocava con il Banfield lo vede salire su un trattore. L’attaccante sta solamente scherzando con i compagni, ma... “Io non ne capisco niente di giardinaggio, non so come trattare le piante. Non ho la più pallida idea: né io, né nessuno della mia famiglia abbiamo fatto un mestiere di questo tipo. Deve aver pensato che fossi bravo a tagliare l’erba. E siccome tutti quanti in Argentina hanno un soprannome, come El Flaco o El Cabezon, io sono diventato El Jardinero”. Un soprannome che alla fine gli ha anche portato fortuna.

Dave

Edson Arantes do Nascimento, che non amava essere chiamato Pelé: come tanti altri…- immagine 4
—  

"César non è così complicato. Ma forse Azpilicueta sì. Alcuni compagni mi hanno spiegato che era difficile da pronunciare e quindi mi hanno chiesto se potevano chiamarmi Dave". E alla fine Dave fu, al punto che anche adesso che Azpilicueta è uno dei capitani del Chelsea, tifosi e compagni di squadra continuano a chiamarlo così. La cosa assurda è che con tutta probabilità anche uno dei suoi allenatori, l'ex compagno Lampard, era abituato a chiamarlo con quel nome. Lo spagnolo però non si scompone: “Lo fanno affettuosamente. Anche se insomma, spero che la gente si ricordi come mi chiamo davvero!”.

Nonna

Edson Arantes do Nascimento, che non amava essere chiamato Pelé: come tanti altri…- immagine 5
—  

Anche in Italia però non si scherza mica con i soprannomi fantasiosi. E l’esempio più recente è quello di Josip Ilicic, che all’Atalanta è diventato...la Nonna. Il perché lo spiega Gasperini: "Regolarmente, durante ogni allenamento, i compagni lo chiamano 'la nonna'. Il motivo? Perché arriva sempre distrutto, stanco. A chiunque gli chieda come sta, lui risponde 'male, male'". Quindi lo sloveno è solito lamentarsi di una serie di acciacchi non ben definiti, che agli occhi dei compagni lo rendono assai simile...a una vecchietta, tra mal di schiena e fastidi vari.  E quindi si può dire che le ottime stagioni a Bergamo hanno dimostrato...che il talento non ha età!