calcio

Passaporti falsi, festini, due fidanzate e strane fobie: Ronaldinho, una vita a dribblare…gli avversari e la giustizia

Redazione Il Posticipo

Due “mogli” ma nessuna auto da condividere. Anche il Gaucho, ha dei punti deboli. Ronaldinho ha avuto, per tutta la sua carriera, una paura matta di guidare l’automobile e per questo ha delegato il cugino Thiago. Ruolo, autista, accompagnatore e confidente del calciatore. In sua assenza, era necessario trovare alternative e Dinho risolve chiamando il taxi. Del resto perchè il re degli assist non dovrebbe concedersi un...passaggio dopo averci fatto viaggiare in prima classe?