Palloni d’oro, bidoni, campioni e meteore: lo strano rapporto del Milan con il Brasile

Pato torna a parlare e sottolinea il suo amore per l’Italia. E al Milan, nonostante anni complicati dagli infortuni, lo ricordano ancora con affetto. Del resto, nel corso della storia rossonera, sono arrivati grandissimi campioni col passaporto verdeoro, ma anche più di qualche bidone di quelli leggendari…

di Redazione Il Posticipo

Papero fragile

(Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Pato torna a parlare e sottolinea il suo amore per l’Italia. Un calciatore così straordinario e così fragile che è impossibile non chiedersi cosa avrebbe combinato il brasiliano se il fisico lo avesse sorretto. Ma al Milan lo ricordano con affetto, visto che nelle sue prime stagioni il giovanissimo attaccante aveva veramente impressionato, con tanto di vittoria dello scudetto. Poi però la fragilità muscolare ha chiesto il conto e sono aumentate le domeniche passate in infermeria, fino all’addio nel 2013. Del resto, quando il Milan si affida al Brasile, c’è da mettere in conto un minimo di…rischio d’impresa. Nel corso della storia dei sette volte campioni d’Europa, sono infatti arrivati grandissimi campioni col passaporto verdeoro. Ma anche più di qualche bidone di quelli leggendari…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy