Napoli, la rivoluzione in cinque mosse di Carlo I

Napoli, la rivoluzione in cinque mosse di Carlo I

Un giorno all’improvviso, sboccia il Napoli. Ancelotti timbra la carta d’identità del nuovo Napoli. In cinque mosse, gli azzurri sono stati rivoluzionati e adesso i risultati si vedono. Meno intensità, uguale efficacia.

di Redazione Il Posticipo

ANCELOTTI

GENOA, ITALY - SEPTEMBER 02: Carlo Ancelotti head coach of Napoli during the serie A match between UC Sampdoria and SSC Napoli at Stadio Luigi Ferraris on September 2, 2018 in Genoa, Italy. (Photo by Paolo Rattini/Getty Images)

Napoli ribaltato in cinque mosse. cinico e poco dogmatico. Meno intenso ma ugualmente efficace. La rivoluzione silenziosa e dolce di Ancelotti. Il capitombolo di Genova è stato, a questo punto, un incidente di percorso. Quattro vittorie in cinque partite e sfida lanciata alla Juventus. Il suo 4-2-3-1 molto camaleontico, capace di trasformarsi in corsa in 4-4-2 o 4-3-3 a seconda delle esigenze, è la pietra da cui riparte ufficialmente il nuovo corso e la…rincorsa a CR7 e soci. Facendo sentire tutti importanti. Alternando pressing e ripartenze. Gestione dei cambi e di partita perfetta. Il timbro sulla carta d’identità del nuovo Napoli si vede.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy