calcio

Montero e gli altri: tutti…i cocchi dei presidenti, tra amori eterni e storie finite male

Redazione Il Posticipo

 

Se si parla di Seedorf, si nomina un doppio ex del derby di Milano, che però indubbiamente è più legato alla maglia rossonera, anche per il rapporto con Berlusconi, di cui era un pupillo...prima della rottura quando era allenatore. Il centrocampista era l'uomo in campo del presidente. Se Galliani aveva in mano le chiavi della cassaforte, l'olandese era considerato a livello "istituzionale". Giudicato uno dei calciatori più illuminati in campo. Ammirato anche per le sue idee imprenditoriali. Non a caso, in un momento difficile dopo l'addio di Allegri, è imposto come allenatore del Milan. Una scelta che poi, al termine dell'avventura in rossonero, incrinerà i rapporti.