Mi chiamo Claudio Ranieri: risolvo problemi e faccio miracoli…

Mi chiamo Claudio Ranieri: risolvo problemi e faccio miracoli…

Una citazione di “Pulp Fiction” ideale per i due personaggi: un presidente come Ferrero che lavora nel cinema. E un allenatore come Claudio Ranieri, abile come nessuno a risolvere i problemi. Il numero uno della Sampdoria, classifica alla mano, sembra aver scelto l’uomo ideale per salvarsi. Ma anche, a volte, per sognare in grandissimo.

di Redazione Il Posticipo

Poca riconoscenza

 

ranieri Valencia

Ranieri prosegue all’estero. Viene chiamato dal Chelsea, con cui si piazza sempre nelle prime sei e centra anche un secondo posto. Ma Abramovich compra il club e si innamora di Mou, dando il benservito a Ranieri dopo quattro stagioni. Un ottimo incentivo per la sua seconda avventura a Valencia. Arrivato nel giugno 2004 a sostituire l’ormai ex avversario di Premier League Rafa Benitez, vince subito la Supercoppa Europea ma in campionato le cose non vanno benissimo. Il 25 febbraio dell’anno successivo, dopo la sconfitta in Europa League contro la Steaua Bucarest, viene esonerato.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy