calcio

Mendy, CR7 e gli altri: quando il pallone salva dalla povertà, dalla guerra o da una vita difficile

Redazione Il Posticipo

Un'infanzia difficile, in grado di creare un uomo senza paura. Pjanic, fuggito dalla Bosnia da bambino per vivere a Lussemburgo, non ha certo vissuto anni semplici, costretto a lasciare il suo Paese per provare a vivere una vita normale. In una famiglia povera, il pallone era l'unico giocattolo che i genitori potevano permettersi di comprare: con il senno di poi, è stata una fortuna. In giovane età, il centrocampista è sempre apparso più bravo degli altri, tanto da dover rifiutare a 18 anni la chiamata di Domenech, che lo voleva vestire con la maglietta della Francia invece che con quella della sua Bosnia.

Potresti esserti perso