“Mad Max”, il bad boy della F1: genio e sregolatezza al volante…

“Mad Max”, il bad boy della F1: genio e sregolatezza al volante…

Talento, sfrontatezza e lucida follia. Max Verstappen è già certo di partire dall’ultima fila ma vuole recitare un ruolo da primo piano nel weekend di Monza. Dinnanzi a lui un futuro tutto da scrivere: in bilico fra fenomeno o un… “Balotelli della F1”.

di Redazione Il Posticipo

COLLEGHI

Anche il rapporto con i colleghi non è improntato al massimo della cordialità. Per un certo periodo sembra che Verstappen sia stato inviso al gruppo perché si era diffusa la convinzione che la FIA, apprezzandone l’imprevedibilità e il potenziale spettacolo derivante da alcune sue manovre al limite della spericolatezza, chiudesse un occhio sulle “marachelle” in pista del pilota olandese. Dal canto suo, Max non si è mai preoccupato di andare troppo d’accordo con gli altri piloti. Ha definito Hamilton “Nulla di speciale” e ha chiesto a Vettel di “chiedere scusa” dopo l’incidente di Singapore.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy