La Finlandia sogna: negli ultimi 30 anni, tantissimi grandi esordi europei, Germania compresa…

La Finlandia sogna: negli ultimi 30 anni, tantissimi grandi esordi europei, Germania compresa…

Arriva una nuova “matricola”, che è autorizzata a ben sperare. Del resto negli ultimi trent’anni ogni Europeo ha regalato la partecipazione di una new entry. Che spesso si è anche difesa discretamente bene.

di Redazione Il Posticipo

1988

Benvenuta Finlandia. Arriva una nuova “matricola”, che è autorizzata a ben sperare. Del resto negli ultimi trent’anni ogni Europeo ha regalato la partecipazione di una new entry. Che spesso si è anche difesa discretamente bene. Nel 1988 l’Irlanda centra una vera impresa. L’Europeo, infatti, era ancora a edizione “ristretta” riservata ad appena 8 finaliste. La nazionale verde centra la qualificazione mettendo in fila nel proprio girone Bulgaria, Belgio (semifinalista ai mondiali precedenti) Scozia e Lussemburgo. Nella fase finale è vaso di coccio fra quelli di ferro ma gioca un girone più che dignitoso. Vince con l’Inghilterra, pareggia con l’URSS e perde con l’Olanda. Considerando che da quel girone escono le due finaliste, un ottimo risultato. Quella nazionale fra l’altro riuscirà anche a centrare i quarti di finale ai mondiali del 1990.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy