Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Ibra contro tutti: paese che va, “nemico” che trova…

MILAN, ITALY - JANUARY 26: Romelu Lukaku of FC Internazionale clashes with Zlatan Ibrahimovic of AC Milan during the Coppa Italia match between FC Internazionale and AC Milan at Stadio Giuseppe Meazza on January 26, 2021 in Milan, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Quando Ibrahimovic vuole fare innervosire qualcuno, ci riesce benissimo. Persino quando si parla di...leggende degli altri sport, come nel caso di LeBron James. Ma in fondo lo svedese è così: preferisce farsi nemici, piuttosto che amici...

Redazione Il Posticipo

DERBY

MILAN, ITALY - JANUARY 26: Romelu Lukaku of FC Internazionale clashes with Zlatan Ibrahimovic of AC Milan during the Coppa Italia match between FC Internazionale and AC Milan at Stadio Giuseppe Meazza on January 26, 2021 in Milan, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)
—  

Il caso più recente è quello nel derby di Coppa Italia, quando sono scintille con Romelu Lukaku. I due sono stati anche compagni di squadra al Manchester United e anche lì non è che sia andata benissimo. A San Siro, però, finiscono addirittura a litigare in campo tra punzecchiate, insulti e...riti voodoo. E la polemica continua, con il belga che quando segna nella stracittadina di campionato si rivolge a Ibra durante l'esultanza. Storia finita? Meglio non contarci. Infatti continua. e troppo. Non è una novità che lo svedese sia sempre e comunque in grado di trovare qualcuno con cui polemizzare. Ibra, del resto, non è un tipo da mezze misure. O si ama, o si odia. E in fondo la storia sportiva dello svedese lo racconta abbastanza chiaramente: il Colosso di Malmö preferisce farsi nemici, piuttosto che amici.

LEBRON

 (Photo by Zhong Zhi/Getty Images)
—  

Quando Ibrahimovic vuole fare innervosire qualcuno, ci riesce benissimo. Persino quando si parla di...leggende degli altri sport, come nel caso di LeBronJames. La polemica con il campione dei Los Angeles Lakers, nata dalle frasi di Zlatan sugli atleti che fanno politica, continua con la risposta abbastanza piccata del cestista. Ed è probabile, conoscendo i due, che non sia finita qui.

AJAX

 (Photo by Morris MacMatzen/Bongarts/Getty Images)
—  

Anche con i compagni di squadra, comunque, non è che vada meglio. Il ragazzo svedese non ha un carattere facile e lo capiscono subito ai tempi dell'Ajax, quando Van Der Vaart ritiene Ibra responsabile di un suo infortunio. E lo dice, urbi et orbi, davanti alle telecamere. Quanto basta per scatenare Ibra. La risposta, come riportato dall'autobiografia dello svedese, arriva nello spogliatoio con la minaccia di spezzare davvero le gambe all'olandese, tentativo malriuscito qualche anni dopo.

JUVENTUS

 (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
—  

Anche nel periodo alla Juventus, dove di solito passa tutto sotto lo stretto riserbo, Ibra ha uno scontro piuttosto forte con Zebina. Il francese è troppo intenso in allenamento e Ibra reagisce a modo suo. Colpo che manda KO il francese. Capello osserva, e secondo quanto riportato nel libro, lascia correre e non interviene. Il tecnico amava uno spogliatoio carico di adrenalina, evidentemente.

INTER

 (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
—  

Ai tempi dell'Inter il "nemico" era Marco Materazzi. Un'altra sfida da pesi massimi che non è mai sfociata in rissa ma che si è trascinata sino al primo derby da avversari quando lo svedese ha candidamente ammesso di aver mandato con piacere l'ex compagno in ospedale. Antipatia fra l'altro sentitamente ricambiata da Materazzi che spesso pungola lo svedese sul nervo scoperto. La Champions, mai vinta. E conquistata dall'Inter proprio quando lui se n'è andato al Barcellona. Che a sua volta l'ha vinta dopo averlo ceduto al Milan...

BARCELLONA

—  

Non solo compagni di squadra, ma anche allenatori: Ibra, nella sua carriera ha avuto i suoi problemi anche al Barcellona. Notissima, la sua avversione nei confronti di Guardiola e dei metodi collegiali del club catalano. Ibra racconta che nella seconda parte della stagione, dopo un diverbio, Guardiola in pratica ha smesso di parlargli e confrontarsi con lui. A fine anno lo svedese, dopo aver perso la Champions in semifinale proprio con l'Inter, lascerà il Barcellona.

TENSIONE

 (Photo by Claudio Villa/Getty Images)
—  

Per andare al Milan, con cui sembra andare tutto a gonfie vele. Ma a volte spunta...il solito Zlatan.  Come nella rissa fra colossi con Onyewu. Il difensore zittisce Zlatan, lo svedese lo provoca e in una partitella a Milanello, Ibra prova a far assaggiare i propri tacchetti al difensore. Nell'occasione successiva l'americano “sfiora” la spalla di Zlatan e quest’ultimo gli dà una testata. Nel giro di qualche istante vola qualsiasi tipo di colpo. La scazzottata dura parecchio, e nessuno ha il coraggio di intromettersi. E l’allora allenatore del Milan Allegri è costretto a sospendere la seduta.

PARIGI

 (Photo by Alexander Hassenstein/Bongarts/Getty Images)
—  

Rabiot, al netto della giovanissima età, ha personalità e coraggio da vendere. Osa riprendere Ibrahimovic ai tempi del PSG per un movimento sbagliato. E gli animi si scaldano anche in seguito. Quanto basta per far perdere la (poca) pazienza allo svedese: la prima volta si limitarono a insultarsi. La seconda volta, in allenamento, è bastato pochissimo per far scoppiare la rissa dopo una scintilla. Mani addosso, ma si chiude lì.

MANCHESTER

 (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)
—  

Trasferitosi allo United, Ibrahimovic ha trovato immediatamente modo di rissare: questa volta, però, con gli avversari che poi diventeranno suoi compagni. Questa volta la vittima è Kjaer. Lo svedese non apprezza le attenzioni del difensore danese e prima lo colpisce con un calcetto, poi... gli mette direttamente le mani al collo ricambiando così il pressing asfissiante. Ovviamente si scatena una lite furibonda a bordocampo.

MLS

—  

Ibrahimovic, parlando della sua avventura negli States, ha parlato di una certa freddezza nei rapporti interpersonali. In campo, però, gli animi sono sempre ben caldi e Ibra fa anche presto a trovarsi diversi nemici. In primis, Vela. Memorabile anche la quanto accaduto con Onuoha, calciatore del Real Salt Lake. Il centrale cerca, con le buone e le cattive, di fermare lo svedese senza riuscirci. Al momento del gol Ibra esulta e lo irride. Negli spogliatoi i due vengono separati prima dell'inevitabile rissa...