calcio

Golden Boy… ma non troppo: vincere il premio non è garanzia di futuro stellare!

Redazione Il Posticipo

A proposito di Brasile, nessuno rappresenta il lato...maledetto del Golden Boy quanto Pato. Il verdeoro fa innamorare il Milan con le sue prime prestazioni in Europa, alza il trofeo nel 2009 e sembra destinato un giorno anche al Pallone d'Oro. Ma poi una serie lunghissima di infortuni lo costringe a stop troppo frequenti per il Milan, che lo lascia andare. Prima Pato torna in Brasile, poi ritenta senza fortuna in Europa e ora, a soli 32 anni, è in MLS, reduce anche già da due stagioni...in Cina.