calcio

Gli insostituibili: da Sir Alex e Wenger ad Allegri, quando un allenatore lascia il vuoto…

Redazione Il Posticipo

ROME, ITALY - MAY 07: Massimiliano Allegri, head coach of Milan celebrates the victory after the Serie A match between AS Roma and AC Milan at Stadio Olimpico on May 7, 2011 in Rome, Italy. (Photo by Giuseppe Bellini/Getty Images)

Vita difficile anche per il Milan dopo la separazione con Massimiliano Allegri: il tecnico è stato esonerato nel gennaio 2014 e al suo posto è arrivato Clarence Seedorf, ma l'olandese non è riuscito a strappare la conferma. Poi c'è stato Filippo Inzaghi (2014-15), l'anno dopo la panchina è toccata a Sinisa Mihajlovic durato fino all'aprile 2016 e sostituito da Cristian Brocchi fino al termine della stagione. Allora società rossonera è ripartita da Vincenzo Montella per una stagione e mezza fino all'esonero del novembre 2017, quando a prendersi il Milan è stato Gennaro Gattuso. A sua volta Ringhio è stato sostituito da Giampaolo, esonerato per far posto a Pioli, che ha riportato lo prima la partecipazione in Champions e poi lo scudetto, cose che al club mancavano...dai tempi di Allegri!