Germania-Olanda: kolossal del calcio fra Rambo, mascotte, beffe, sputi e retrocessioni…

Germania-Olanda: kolossal del calcio fra Rambo, mascotte, beffe, sputi e retrocessioni…

Quella tra Olanda e Germania non è mai una partita come le altre. C’è tanto, sportivamente e non, in palio.

di Redazione Il Posticipo

BEFFA

D2bZ9dSVAAEYxlB

Nel 1974, Olanda – Germania vale il titolo mondiale. Sulla carta, non sembra esservi partita. La Germania gioca in casa, ma l’Arancia Meccanica stritola gli avversari. E l’Olanda di Cruijff passa in vantaggio dopo due minuti senza che i padroni di casa riescano a toccare il pallone! Sembra l’inizio della fine, ma mai sottovalutare i tedeschi. L’Olanda si specchia, la Germania affonda: prima Breitner e poi Muller ribaltano match e pronostici. E la Coppa del Mondo resta in casa del paese organizzatore. È una sconfitta che brucia: Van Hanegem la commenta così: “I nazisti hanno ucciso mio padre, mia sorella e i miei due fratelli. Li odio”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy