Germania-Olanda: kolossal del calcio fra Rambo, mascotte, beffe, sputi e retrocessioni…

Quella tra Olanda e Germania non è mai una partita come le altre. C’è tanto, sportivamente e non, in palio.

di Redazione Il Posticipo

AMICI MAI

Tedeschi e olandesi, proprio non si amano. Qualche mese fa, Remake, non richiesto né gradito, del 1990 in una sfida under 20. Si gioca Olanda-Germania under 20.  Battibecco tra Jordan Teze, terzino del PSV Eindhoven, e Salih Özcan, centrocampista del Colonia e capitano della nazionale giovanile tedesca. Tutto nasce da un calcio di rigore, assegnato alla Germania e sbagliato proprio da Özcan. Al momento dell’errore dell’avversario, il calciatore olandese si è avvicinato e ha sputato al tedesco, generando un parapiglia che ha costretto entrambe le panchine a entrare in campo per placare gli animi. E naturalmente, dopo un’azione del genere, Teze è stato sospeso dalla nazionale fino a nuovo ordine, per un comportamento inaccettabile. “È la cosa peggiore che si può fare a un avversario, non possiamo tollerare azioni del genere”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy